Redazione Paese24.it

Rocca Imperiale. Il “Paese della Poesia” rischia di scomparire. Appello ai candidati a sindaco

Rocca Imperiale. Il “Paese della Poesia” rischia di scomparire. Appello ai candidati a sindaco
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il brand “Il Paese della Poesia” che ormai caratterizza Rocca Imperiale da ben undici anni potrebbe essere a forte rischio. Rocca Imperiale “Paese della poesia”, raduna, in estate, nel borgo dell’Alto Jonio, migliaia di poeti e aspiranti tali che affollano per diversi giorni ristoranti, alberghi e B&B del comprensorio per decantare versi, partecipare a laboratori di scrittura creativa ed assistere ad eventi culturali che hanno portato a Rocca negli anni personaggi come Michele Placido, Eugenio Bennato, la famiglia del compianto Rino Gaetano, Giancarlo Giannini, Mogol, Alessandro Quasimodo, Katia Ricciarelli, e tanti altri. Ma il riuscito esperimento di turismo culturale, messo in piedi negli anni dall’editore Giuseppe Aletti – ideatore del concorso “Il Federiciano” e del brand “Rocca Imperiale Paese della poesia” – la cui eco si è subito diffusa a macchia d’olio sui social network, ha cominciato a fare gola ad altri comuni soprattutto del Centro Nord Italia. Ed ecco che Aletti, pressoché quotidianamente, è impegnato in azioni di diffida tese a scongiurare pericolosi plagi. Però ben tre comuni, tra quelli diffidati, hanno fatto orecchie da mercante, costringendo il poeta editore Aletti a pensare di affidarsi ad una vera e propria azione legale.

Aletti con Quasimodo

«Non possiamo permetterci – commenta Aletti –  di sprecare un lavoro di 11 anni dove a Rocca Imperiale abbiamo costruito un modello unico di turismo culturale che muove, ogni edizione, centinaia di migliaia di euro, offrendo una tangibile opportunità di guadagno a tanti cittadini rocchesi e non solo. Portando così una boccata di ossigeno ad un territorio economicamente in grande affanno». Qualora il “Paese della Poesia” dovesse volgarizzarsi dando a chiunque la possibilità di copiarlo, realizzando manifestazioni simili con le poesie appese ai muri, tutto l’indotto creato a Rocca Imperiale in breve tempo si sgonfierebbe, in quanto le migliaia di partecipanti all’evento si dividerebbero tra i tanti paesi della poesia nascenti.

Aletti con Mogol

«Ed è per questo – dichiara Aletti – che faccio appello alle due liste impegnate nella campagna elettorale, guidate da Giuseppe Ranù e Tiziana Battafarano, affinché si impegnino, da subito a tutelare Rocca Imperiale come “Paese della poesia”, unico ed inimitabile dalla concorrenza sleale di altri comuni che vogliono dirottare verso altri territori le persone che seguono Il paese della Poesia e il Festival Il Federiciano. Lo dobbiamo ai rocchesi tutti, che hanno donato un intero borgo a questo progetto e che ospitano sulle loro case le stele poetiche che continuativamente creano interesse e portano curiosi anche oltre la durata del festival Il Federiciano. Il Paese della Poesia è di tutti i rocchesi e la politica deve difenderlo da chi vuole appropriarsene».

La preoccupazione del poeta editore, diventato negli anni anche esperto di marketing territoriale e che quindi conosce bene i rischi che il progetto sta correndo, è palpabile e quindi fondata. «Chiedo ai candidati a sindaco, chiunque tra loro vinca le elezioni, di tutelare questa grande opportunità che Rocca Imperiale si è costruita nel tempo. Dopo il 26 maggio, il Comune si costituisca parte civile, finanziando le dovute azioni legali che si dovranno intraprendere nei confronti degli imitatori del progetto. La forza del progetto del Paese della Poesia è il chiaro posizionamento nell’offerta culturale e turistica italiana, che lo rende immediatamente riconoscibile per chi è attratto dalla produzione in versi, basti pensare che la pagina facebook ha già oltre 40mila persone che la seguono; i post che quotidianamente vengono diffusi complessivamente giungono in un anno fino a 8milioni di persone, dati incredibili per un paese di poco più di 3mila abitanti. È evidente che a fronte di questi numeri poi i poeti d’Italia sentano il bisogno di andare a visitare il loro paese, quello della poesia, che sentono come un ideale luogo di approdo».

Aletti con Placido

L’appello di Giuseppe Aletti affonda le sue radici nelle origini rocchesi, spinto dall’amore per il suo territorio che lo ha portato a realizzare a Rocca Imperiale il suo ambizioso progetto. «Ma io sono abituato da sempre a pianificare e a programmare – chiarisce allo stesso tempo Aletti – e per tanto devo avvisare la popolazione di Rocca Imperiale che l’unicità del progetto e la ricaduta economica sul territorio sono a rischio. Se da Rocca Imperiale non arriveranno le necessarie garanzie, dovrò pensare, a malincuore, che “Il Paese della poesia” e il Festival “Il Federiciano” non rientrano nella pianificazione del futuro di Rocca Imperiale: un suicidio economico, di visibilità e turistico. Tutti i comuni che hanno la fortuna di avere manifestazioni culturali di valenza nazionale, – oggi il paese della poesia ospita il più importante concorso e festival di poesia in Italia – ci hanno costruito intorno un sistema per far conoscere il territorio e aumentare l’attrattività turistica. Per l’amore profondo che porto per la mia terra mi sento in dovere di avvertire per tempo, anche se temo che un giorno dovrò dire:Io vi avevo avvisati».

Vincenzo La Camera

Share Button

2 Responses to Rocca Imperiale. Il “Paese della Poesia” rischia di scomparire. Appello ai candidati a sindaco

  1. Antonio fiordalisi 2019/05/09 at 06:30

    Sarebbe davvero devastante, per la cittadinanza, perdere questo prestigioso evento letterario. Una manifestazione che rende partecipe gente umile, acculturata e genuinamente sincera, portatrice di valori morali rivestiti di grande umanità. Solo chi può abbellire un discorso con parole che non offendono, possiede il dono dell’amore pet il prossimo.

    Rispondi
  2. Rossella De Rango 2019/05/09 at 11:42

    Siamo tutti un po’ legati ormai a questo Rocca Imperiale. Seguo i lavori del Sindaco attuale, Sarebbe un vero peccato lasciare un posto così bello e affascinante. I politici non dovrebbero giocare a loro favore ma portare avanti il discorso della comunità, attuare il principio dell’aggregazione, della crescita culturale e sociale. Penso che L’attuale Sindaco si sia già adoperato perché il paese goda di un clima fatto di aggregazione attraverso le manifestazioni organizzate con grande impegno a livello internazionale. Un plauso per la collaborazione che ha saputo mantenere con l’Editore Giuseppe Aletti che si batte da anni per la crescita culturale, ma che sa anche dare slancio all’economia di Rocca Imperiale. Le manifestazioni organizzate per “Il Federiciano” aiutano l’economia. Non si può chiudere il sipario sul palco di un Teatro così ricco di storia. Non rinunciate alle vostri radici giovani rocchesi : adoperatevi perché Rocca Imperiale abbia ancora respiro perché la sua memoria è anche la vostra storia. Salvaguardate il vostro paese quale importante location internazionale della Poesia. Rossella De Rango

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *