Redazione Paese24.it

Una serie di furti nelle campagne di Trebisacce

Una serie di furti nelle campagne di Trebisacce
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Banda di ladri continua a saccheggiare le case delle campagne di Trebisacce portando via beni di prima necessità, attrezzature e mezzi agricoli e tutto ciò che si ritiene monetizzabile. Nei mesi scorsi i ladri, forse gli stessi, hanno perlustrato e fatto bottino nelle campagne di Francavilla Marittima e di Piana di Cerchiara visitando e svaligiando diverse masserie e aziende agricole e talvolta arrecando anche danni gravi. Terminata l’opera in quella zona, i ladri si sono spostati nelle campagne e nei giardini di Trebisacce dove, da quanto si è saputo, nel giro di alcuni giorni sono state visitate e ripulite diverse case di campagna di beni di prima necessità, di attrezzi e di mezzi agricoli, anche di valore come motoseghe, decespugliatori, saldatrici, trapani elettrici, generatori di corrente, da commercializzare in nero per ricavarne facili guadagni.

Solo vanghe, zappe e picconi in molti casi si sono salvati perché gli attrezzi per il lavoro manuale non interessano né ai ladri né, evidentemente, ai loro ricettatori. La zona presa di mira in particolare dai ladri sarebbe l’area che si estende nella parte a nord degli aranceti di Trebisacce, nei pressi dell’antico mulino ad acqua, dove tanti “vignaruli” hanno una casetta, evidentemente non ermeticamente chiusa, all’interno della quale conservano gli attrezzi con cui fanno manutenzione alle “vigne”. Tutto ciò, oltre ad incoraggiare ancora di più l’abbandono delle “vigne” dove si coltiva il rinomato “biondo tardivo”, pone problemi di sicurezza e di ordine pubblico che andrebbero affrontati anche dal Consorzio dei Giardini che potrebbe, questo uno dei suggerimenti proposto dai consorziati, provvedere all’installazione di qualche telecamera di video-sorveglianza nei punti strategici in cui si entra e si esce dalle “vigne”. Un rimedio, questo che, sia nei paesi che in campagna, sembra l’unico sistema per scoraggiare gli incalliti e sfrontati ladri, che dormono di giorno e che si aggirano nel buio come lupi mannari.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *