Redazione Paese24.it

Roseto. Forzano posto di blocco, inseguimento sul lungomare

Roseto. Forzano posto di blocco, inseguimento sul lungomare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Forzano il posto di blocco della Guardia di Finanza ma vengono inseguiti e catturati sul Lungomare grazie anche alla collaborazione di alcuni volontari del posto. E’ successo nel pomeriggio di domenica 19 maggio sul Lungomare di Roseto Capo Spulico dove si era appena conclusa la cerimonia di consegna della Bandiera Blu. La cronaca: i militari della Guardia di Finanza della Tenenza di Montegiordano nel corso del quotidiano servizio di controllo presso il Castello di Roseto Capo Spulico fermano un furgone Iveco Daily (poi risultato rubato) per un controllo di routine, ma all’interno del mezzo i Finanzieri scoprono la presenza di un vasto repertorio di attrezzi e arnesi per lo scasso. A questo punto i due malviventi, vistisi scoperti, premono sul pedale dell’acceleratore e, forzando il posto di blocco, si sottraggono al controllo e si danno alla fuga svoltando a subito a sinistra e imboccando la deviazione che porta sul Lungomare.

I militari ovviamente non si fanno sorprendere e non esitano un istante e così, a sirene spigate, si mettono all’inseguimento del furgone per braccare i due malviventi. Questi, arrivati nei pressi di Piazza Azzurra e sentendosi ormai braccati hanno abbandonato il mezzo ancora in corsa che è finito addosso ad altre auto in sosta e si sono dati alla fuga a piedi. La fuga a piedi per uno dei due malviventi è però terminata a breve distanza grazie al tempestivo intervento delle Forze dell’Ordine e di alcuni volontari che si sono prodigati per agevolarne la cattura. L’uomo, di cui al momento non si conoscono le generalità, è finito in manette. Sulle tracce del complice si stanno muovendo i Carabinieri della locale Stazione, agli ordini del Maresciallo Marco Carafa, che insieme ai colleghi delle Fiamme Gialle coordinati dal Luogotenente Massimiliano Montinari, stanno pattugliando il territorio per impedire che si allontani dalla zona.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *