Redazione Paese24.it

Scoperto ad appiccare incendio. Arrestato piromane a Rocca Imperiale

Scoperto ad appiccare incendio. Arrestato piromane a Rocca Imperiale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto un 26enne per il reato di incendio boschivo. Nello specifico i militari della Stazione di Rocca Imperiale durante un servizio perlustrativo notturno nel territorio di giurisdizione, lungo la S.P. 150 “Fondo-Valle”, notavano in lontananza una Fiat Panda con una persona all’interno fermarsi a bordo strada e subito dopo ripartire a velocità sostenuta. Quindi dal punto in cui aveva bloccato la marcia divampavano alte fiamme che divoravano le sterpaglie secche a limite carreggiata. I militari decidevano di seguire l’automobilista a debita distanza e facendo in modo di non essere notati. Quindi rivedevano lo stesso che ripeteva i medesimi gesti per altre due volte, in due punti differenti della stessa strada provinciale ed anche in questi due casi i militari notavano l’uomo scendere dall’auto ed appiccare il fuoco alle sterpaglie a bordo strada.

I  Carabinieri quindi, ritenendo ormai ovvi gli intenti incendiari dell’uomo, decidevano di intervenire per impedire l’aggravarsi della situazione. Il ragazzo tentava di mettersi in macchina e fuggire, ma veniva bloccato dai Carabinieri, i quali lo sottoponevano ad immediata perquisizione, rinvenendogli nella tasca dei pantaloni un accendino che era stato verosimilmente utilizzato per appiccare i roghi, mentre all’interno dell’autovettura trovavano un coltello a serramanico che il piromane aveva adoperato per tagliare dei ceppi di erba o arbusti secchi utilizzati quali inneschi dei focolai accesi. Entrambi i corpi di reato venivano sottoposti a sequestro penale, mentre contestualmente venivano avvisati i Vigili del Fuoco del vicino distaccamento di Trebisacce, per domare gli incendi che, spinti dal forte vento, si erano propagati per circa 1 ettaro di macchia mediterranea e zone erbose. Ci voleva oltre un’ora di lavoro per spegnere i roghi e bonificare completamente la zona. Il ragazzo identificato dai Carabinieri in P.B., 26enne di Trebisacce, ma residente a Rocca Imperiale veniva, d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari coordinata dal Dott. Eugenio Facciolla, tratto in arresto in flagranza per il reato di incendio boschivo e veniva ristretto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo presso le aule del Tribunale di Castrovillari.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *