Redazione Paese24.it

Tiro con l’arco, ad Alessandria del Carretto sfida all’ultima freccia

Tiro con l’arco, ad Alessandria del Carretto sfida all’ultima freccia
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nell’incantevole scenario naturale dell’Orto Botanico della “Difisella” si sono svolte le gare di tiro con l’arco relative al “Trofeo CSEN Archery 2019 – Sud Italia – Specialità 3d Pin” organizzato, con il patrocinio della giovane amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Vuodo, dal prof. Guido Valenzano figlio dell’Alto Jonio in quanto originario di Roseto Capo Spulico, autentico mentore di questa antica pratica sportiva che sta crescendo in tutto l’Alto Jonio e in Calabria grazie, appunto, all’attivismo e alla passione del prof. Valenzano. Quello portato avanti da Valenzano e che l’anno scorso si è svolto nel comune arbëreshe di Plataci è difatti, come ha ribadito lo stesso Valenzano, «un progetto che cresce e fa sentire forte la sua presenza gara dopo gara, passo dopo passo e soprattutto freccia dopo freccia.

Si è trattato di evento sportivo di portata interregionale, che ha convogliato nel “Borgo Autentico” di Alessandria del Carretto, un tempo definito “il paese dei dimenticati”, una folta rappresentanza di arcieri, giovani e adulti e di accompagnatori appartenenti a Gruppi di Arcieri provenienti anche da fuori regione, tutti appassionati del Tiro con l’Arco, uno sport antico quanto la stessa specie umana, le cui radici affondano nei primordi dell’umanità, mantenendo intatti quelli che sono i suoi valori ancestrali di rispetto, concentrazione, meditazione, tecnica ed etica sportiva.

Così, per due giorni, Alessandria del Carretto ha accolto in modo esemplare gli atleti provenienti dal Sud Italia per disputare la prima di una nuova tipologia di gara, la 3d Pin, che si spera possa trovare una forte spinta futura nel Settore Arcieristico. «Alessandria del Carretto – ha confidato il prof. Valenzano al termine delle due intense giornate dedicate allo sport all’aria aperta – ha accolto e incorniciato in modo esemplare i valori insiti nel progetto Arcieristico firmato CSEN nel Sud Italia, un progetto che cresce ogni anno grazie principalmente alla passione e all’amore per questa disciplina. Proprio in funzione della calorosa accoglienza ricevuta – ha concluso il prof. Valenzano ringraziando l‘amministrazione comunale, tutti gli arcieri e gli aspiranti-istruttori per aver contribuito a scrivere questa bella pagina di sport – si sta già programmando, per la prossima primavera, un intero weekend in questo meraviglioso paese che vedrà alternarsi la Specialità “Tiro nei Borghi d’Italia” e Tiro 3d nel cuore del Parco Nazionale del Pollino».

Altrettanto soddisfatto per la riuscita della manifestazione il sindaco Mimmo Vuodo che, nel dare appuntamento alla prossima gara, ha ringraziato il prof. Valenzano e tutti gli arcieri che hanno preso parte alla splendida giornata trascorsa nel Borgo Autentico più alto del Parco Nazionale del Pollino.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *