Redazione Paese24.it

Trebisacce, Sgarbi al centro storico “assaggia” l’Alto Jonio

Trebisacce, Sgarbi al centro storico “assaggia” l’Alto Jonio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sgarbi nel centro storico di Trebisacce, al Bastione

Con la presenza di Vittorio Sgarbi nel centro storico di Trebisacce, ieri sera (domenica) si è conclusa la due giorni” dedicata a “Odori, sapori e mestieri dell’Alto Jonio”, promossa dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Mundo, e che ha attratto nell’antico borgo tantissimi visitatori. L’iniziativa, scaturita da un progetto redatto dall’assessore Saverio La Regina in collaborazione con gli assessori Filippo Castrovillari e Dino Vitola e sponsorizzato interamente dal Gal Alto Jonio “Federico II”, era destinata a richiamare l’attenzione sull’antico borgo per farne scoprire gli angoli più suggestivi e di portare tanta gente distratta a bearsi per una sera del magnifico panorama che si gode sul Bastione, il magnifico terrazzo che sovrasta le antiche mura da cui lo sguardo spazia su tutto il golfo di Taranto. E moltissima gente, richiamata oltre che dalla presenza di Sgarbi che ha valutato e commentato i quadri esposti da pittori locali in gara tra loro (ha vinto il quadro di Brunella De Paola) e dai prodotti tipici, frutto dell’artigianato e dell’eno-gastronomia dell’Alto Jonio, ha risposto presente. Quella di Vittorio Sgarbi non è stata una visita fugace e superficiale. Il critico d’arte si è intrattenuto nel centro storico per diverse ore (facendo il giro degli stand dove ha assaggiato i vari prodotti tipici,  e fino a tarda notte discutendo con il sindaco, con gli assessori e con tanti giovani. «Siamo soddisfatti della riuscita della manifestazione, peraltro a costo zero, – ha dichiarato l’assessore La Regina ringraziando il Gal “Alto Jonio” – ma l’iniziativa non resterà isolata perché Trebisacce ha nel centro storico una risorsa che va valorizzare a fondo. E’ per questo che abbiamo in programma di ritornare nel nostro antico borgo per incoraggiarne la valorizzazione sia con iniziative ricettive di “albergo diffuso”, sia con l’apertura di piccoli negozi di prodotti tipici dell’artigianato locale e dell’eno-gastronomia». Ad allietare le due serate il gruppo folk di Acquaformosa e, nella serata finale di domenica, un complesso musicale pugliese con la “Pizzica sanetina”.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *