Redazione Paese24.it

Alessandria del Carretto capitale del folklore. Piccolo centro montano invaso per “Radicazioni”

Alessandria del Carretto capitale del folklore. Piccolo centro montano invaso per “Radicazioni”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Giunto alla sua IX edizione e divenuto ormai un appuntamento importante per tutti gli amanti del folklore e delle tradizioni, “Radicazioni”, il tradizionale festival della culture popolari che si svolge ad Alessandria del Carretto, ha riscosso anche quest’anno un grande successo di pubblico. Per tre giorni, dal 20 al 22 agosto, il piccolo centro montano dell’Alto Jonio si è animato d’improvviso e, grazie alla forza del web, ha registrato la massiccia partecipazione di giovani e meno giovani arrivati da ogni parte. «Radicazioni – ha scritto il sindaco Vincenzo Gaudio – è l’esempio tipico di come ravvivare un paese in via di spopolamento, come del resto tanti altri in Calabria, con poche risorse e con tanta passione e fantasia creativa: non solo musica, folklore e gastronomia, ma anche generosità ed accoglienza genuina fanno infatti da cornice all’impegno dei giovani dell’associazione culturale “Francesco Vuodo”, che lavorano per mesi alla buona riuscita dell’evento. Concerti serali e artisti di strada – ha scritto ancora il dottore Gaudio – hanno attirato l’attenzione di grandi e piccoli, ma anche la cultura, quella vera e genuina, ha avuto grande spazio durante l’intera manifestazione». Due momenti culturali sono stati, per esempio, la presentazione del documento “Gli arbëreshe del Parco” a cura dell’Ente Parco e la presentazione del libro di Oscar Greco “Lo sviluppo senza gioia”. «Da sottolineare ancora – ha aggiunto il sindaco – la grande valenza culturale dei tanti Murales realizzati quest’anno, che vanno ad aggiungersi a quelli degli anni scorsi e che riescono a rianimare le case disabitate del centro storico facendone non solo una “memoria di pietre” ma anche di ricordi di chi un tempo vi abitava: gente umile, generosa, semplice e laboriosa».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *