Redazione Paese24.it

Sibaritide, proposto prezzo di produzione per le clementine

Sibaritide, proposto prezzo di produzione per le clementine
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un prezzo che corrisponda ai veri costi di produzione per le clementine della Sibaritide, da imporre al mercato e soprattutto alla grande distribuzione: è questa l’innovativa proposta, lanciata mercoledì scorso, dal Distretto Agroalimentare di Qualità di Sibari in collaborazione con le Organizzazioni Datoriali Provinciali Coldiretti e Confagricoltura, nella sala riunioni della Camera di Commercio di Cantinella di Corigliano, durante la conferenza sulle “Ipotesi di ragionamento sui costi di produzione delle clementine nell’area del Distretto”.

La Sibaritide è un’area fortemente vocata alla produzione di clementine, che copre con la sola produzione locale ben il 40% dell’intera produzione nazionale e, ricorda il presidente del presidente del Distretto Agroalimentare di Qualità di Sibari Antonio Schiavelli, rischia ora seriamente di implodere. “Il nostro è un tentativo per raccontare alle nostre comunità, ai nostri produttori, ai nostri lavoratori e a chi consuma i nostri prodotti, che al di sotto di questo costo di produzione (fissato a 45 centesimi per chilo) sarà improbabile continuare a svolgere l’attività” ha chiosato ancora Schiavelli, ribadendo inoltre che il fattore “più positivo” è la “vicinanza di tante organizzazioni di produttori, di tante cooperative, di tanti operatori commerciali che concordano su questo dato”.

Stare insieme per affrontare il mercato in modo più convinto, puntando sulla collaborazione, piuttosto che sulla competizione: è questa la condizione che potrà portare in futuro gli operatori locali a estendere lo stesso discorso anche agli altri prodotti della Sibaritide, a cominciare dalle pesche; anche perché “stare da soli non conviene a nessuno” ha ribadito ancora una volta il presidente del Distretto, prima di chiudere la conferenza stampa, che ha visto la partecipazione anche dei rappresentanti delle Organizzazioni dei Produttori, tra le quali “Sibarit”, “Coab”, “Carpe naturam”, “Torre di Mezzo”, delle Cooperative di produzione e dei commercianti.

Luigi Adinolfi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *