Redazione Paese24.it

Terranova da Sibari, Quintieri campione d’Estonia. Tutto il fascino del calcio sulle rive del Baltico

Terranova da Sibari, Quintieri campione d’Estonia. Tutto il fascino del calcio sulle rive del Baltico
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Dai campi di calcio della Calabria alla possibilità di giocare la Champions League, si realizza così il sogno di Damiano Quintieri, giovane attaccante calabrese fresco vincitore della Meistriliiga, il massimo campionato d’Estonia, con la maglia del Jalgpalliklubi Nõmme Kalju. I primi calci ad un pallone Damiano ha cominciato a tirarli nella sua Terranova da Sibari, iniziando un percorso che lo ha portato sulle rive del Mar Baltico. All’età di undici anni è stato selezionato dall’Inter, vestendo la maglia neroazzurra per tre anni. Da lì le esperienze con il Pro Sesto, il Montichiari e il Pisa, prima di ricevere la proposta del JK Nömme Kalju, club fondato nel dicembre del 1922 con sede a Nõmme, uno degli otto distretti amministrativi in cui è suddivisa la capitale estone Tallin.

 

Damiano, dai campi della Calabria alla vittoria del campionato in Estonia con la maglia del Jalgpalliklubi Nõmme Kalju, una grande soddisfazione per un ragazzo così giovane… Cosa si prova nel conquistare da protagonista un competizione così prestigiosa?

Dico la sincera verità, non ho ancora realizzato quello che ho fatto. E’ stato un momento bellissimo, per un ragazzo della mia (22 anni, ndr) età sapere di aver vinto uno scudetto di serie A , è una marcia in più per il futuro.

Nella tua breve carriera hai avuto modo di conoscere il calcio italiano, prima di vestire la maglia del Jalgpalliklubi Nõmme Kalju. Quali differenze hai notato?

Le differenze non sono tante, anche qui sono molto professionali e si gioca un bel calcio. Il calcio estone è un po meno tattico rispetto a quello italiano ed è vissuto in modo molto più sereno. Un ragazzo giovane ha la possibilità di crescere e sbagliare con tranquillità.

Una scelta coraggiosa quella di andare a giocare in Estonia, come sei arrivato a prendere questa decisione?

Si, una scelta coraggiosa, avevo voglia di riscatto dato che in Italia non trovavo la fiducia di nessuna società.  Non è stato difficile anche perchè ho avuto l’appoggio dei mie genitori e dei miei parenti. Devo ringraziare il mio procuratore, Salvatore Trunfio, che mi ha offerto questa possibilità nell’estate del 2011 e non ci ho pensato su due volte.

Dopo questa importante affermazione nel calcio estone, il tuo nome sarà finito sull’agenda di altri club. Quale sarà il tuo futuro calcistico?

Per adesso ho ancora altri 2 anni di contratto con il Kalju e spero di rispettarli anche perchè l’anno prossimo giocheremo la Champions League (preliminari, ndr). Ma se arrivasse qualche offerta sono sempre pronto a valutarla.

Al tuo arrivo al Kalju ha incontrato un altro ragazzo italiano, Marco Bianchi, insieme siete diventati gli ambasciatori del calcio italiano, i portabandiera azzurri in Estonia. Cosa si prova nel rappresentare il nostro calcio in un Paese in cui il calcio sta acquistando, come sport, sempre più importanza?

Di sicuro è una bella sensazione, e spero che la nostra presenza qui possa far capire che oltre ad essere bravi a giocare a calcio, noi italiani siamo anche delle brave persone.

Abbiamo parlato di sogni realizzati, parliamo invece del sogno che vorresti realizzare: qualè la maglia che hai sognato di indossare fin da bambino?

Di sicuro ora il mio sogno principale è quello di tornare in Italia da protagonista, e, perchè no, anche quello di giocare in Nazionale. Per quanto riguarda la maglia sognata da bambino è sempre stata quella dell’Inter anche se, in un certo senso, l’ho già indossata per tre anni nel settore giovanile.

Giovanni Pirillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *