Redazione Paese24.it

Attentato Afghanistan. Migliorano condizioni del caporale di Villapiana Fabio Iannuzzi

Attentato Afghanistan. Migliorano condizioni del caporale di Villapiana Fabio Iannuzzi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Le condizioni di salute del caporale degli Alpini, originario di Villapiana, Fabio Iannuzzi (nella foto) rimasto ferito nello scontro a fuoco avvenuto giovedì in Afghanistan, dove ha perso la vita il suo collega Tiziano Chierotti, sono migliorate dopo l’intervento chirurgico effettuato dai medici nell’ospedale da campo della base militare italiana di Farah.

I medici hanno rimosso diverse schegge di un razzo anticarro conficcate nelle gambe di Iannuzzi ed ora contano di trasferirlo quanto prima all’ospedale militare del Celio a Roma per ulteriori accertamenti. Lo stesso Fabio ha avuto modo di parlare per telefono con i propri familiari per rassicurarli sulle sue condizioni. Anche il comando militare di Cuneo ha contattato telefonicamente i familiari di Fabio per rassicurarli ancora una volta sulle condizioni di salute del loro congiunto. A casa Iannuzzi si sono recati anche i carabinieri della locale Stazione per portare la solidarietà dell’Arma e per offrire la piena disponibilità per ogni necessità che i familiari avessero per contattare il comando militare o per comunicare con lo stesso Fabio.

Intanto in paese anche gli amici e conoscenti cercano notizie rassicuranti su Fabio, un ragazzo tranquillo, stimato e benvoluto che dopo aver conseguito il diploma al “Filangieri” di Trebisacce ha deciso di arruolarsi nell’Esercito e intraprendere la carriera militare. Fabio fa parte del 2° reggimento alpini di Cuneo da quattro anni e quella in corso era la sua seconda missione in Afghanistan. Tutta la comunità villapianese ora attende solo il suo rientro a casa. In molti hanno lasciato messaggi di amicizia sul social network Facebook e qualcuno lo ha già definito “l’eroe e l’orgoglio villapianese”.

Pasquale Bria

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *