Redazione Paese24.it

Villapiana, tragedia via delle Orchidee. Dopo cinque anni non c’è ancora sentenza definitiva

Villapiana, tragedia via delle Orchidee. Dopo cinque anni non c’è ancora sentenza definitiva
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La villetta di via delle Orchidee, teatro della tragedia del 15 dicembre 2007

La Corte Suprema di Cassazione, pronunciandosi in merito al processo relativo alla tragedia familiare consumatasi il 15 dicembre 2007 a Villapiana Lido, ha annullato, attraverso il rinvio, la sentenza di secondo grado in base alla quale l’imputato Gianluca De Marco, di 35 anni, che in preda a raptus omicida ha ucciso nel sonno con una serie di coltellate la moglie Maddalena Agrelli, casalinga di 31 anni e la figlia Jennifer di appena 4 anni, era stato condannato all’ergastolo in primo grado ed a 20 anni in secondo grado ed ha disposto un ulteriore rinvio del processo. Così, a distanza di circa 5 anni da quella tragedia, i familiari delle due vittime, ma anche quelli dell’imputato, non riescono ad avere una sentenza definitiva.

[smartads]

L’ultimo grado di giudizio in Cassazione per la verità era stato fissato per il prossimo 16 novembre ma, nel frattempo, il legale di fiducia dell’imputato, l’avvocato Michele Donadio del Foro di Castrovillari, avvalendosi dell’art. 111 della Costituzione e degli articoli 606 e seguenti del codice di procedura penale, ha proposto “ricorso per cassazione” per mezzo del quale, come recita il codice di procedura penale, “l’impugnante lamenta un presumibile errore di diritto compiuto dal giudice nell’applicazione delle norme di diritto sostanziale (cosiddetto error in iudicando) o di diritto processuale (error in procedendo)”.

Sta di fatto che la Cassazione ha rinviato il procedimento ai giudici di II° grado. Sarà l’occasione per riandare con la memoria a quel tetro mattino del 15 dicembre 2007 (5 anni fra circa un mese), allorchè i Carabinieri di Villapiana, giunti nella villetta di proprietà, sita in via delle Orchidee dove risiedeva la famiglia, in quanto allertati dallo stesso genitore, hanno trovato la mamma Maddalena Agrelli e la piccola Jennifer De Marco ancora abbracciate nel letto matrimoniale in una pozza di sangue. Nonostante siano passati quasi 5 anni, il grave episodio sfociato nella tragedia viene seguito con grande interesse emotivo soprattutto a Villapiana ma anche a Trebisacce, paese d’origine della giovane Maddalena Agrelli.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *