Redazione Paese24.it

Trebisacce, violento impatto tra due auto sul viadotto della Ss 106. Un morto

Trebisacce, violento impatto tra due auto sul viadotto della Ss 106. Un morto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La S.S. 106 ancora agli onori della cronaca per un grave incidente stradale (nella foto) nel quale ha perso la vita Leonardo Mazzia, 60 anni, residente a Cassano Jonio, mentre faceva rientro a casa da Policoro dove lavorava alla dipendenze dell’Anas. Illeso invece il guidatore dell’altra auto coinvolta nell’incidente. L’impatto si è verificato alle 19.20 di ieri sera (lunedì) sulla corsia nord di un viadotto sito nei pressi di Trebisacce, nel tratto che, per bay passare la cittadina jonica la strada sale in quota per scollinare, dopo aver superato tre brevi gallerie, verso il territorio di Villapiana.

Inutile l’arrivo sul posto dell’èquipe del 118 proveniente da quello che resta dell’ospedale di Trebisacce: il povero Leonardo Mazzia è infatti deceduto dopo pochi istanti dall’incidente per il micidiale impatto contro il volante ed il parabrezza della sua auto che si è letteralmente schiantata contro la parte posteriore di un’altra auto, una Renault Scenic che secondo una prima ricostruzione dell’incidente, emersa dal racconto dell’altro guidatore rimasto illeso, era ferma, con le quattro frecce accese per segnalare il pericolo, insieme ad altre tre auto che la precedevano, ad un semaforo installato per lavori al viadotto. Dopo il violento impatto, la Scenic, sempre dal racconto di chi vi era alla guida, è stata letteralmente sbalzata contro il muro che delimita la carreggiata.

Sul posto i Carabinieri di Trebisacce al comando del maresciallo Marco Carafa, i Vigili del Fuoco Volontari di Trebisacce, i Volontari della Protezione Civile ed il personale dell’Anas. Dopo i rilievi di rito il corpo del povero Leonardo Mazzia è stato trasferito presso l’obitorio di Trebisacce a disposizione del Magistrato Larissa Catella che con ogni probabilità ne disporrà l’autopsia.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *