Redazione Paese24.it

Cosenza, in manette due consiglieri provinciali. Accusati di ingerenza clientelare con ‘ndrangheta

Cosenza, in manette due consiglieri provinciali. Accusati di ingerenza clientelare con ‘ndrangheta
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

RENDE, 15 NOVEMBRE – A Cosenza, in manette due consiglieri provinciali del Partito Democratico: Umberto Bernaudo e Pietro Paolo Ruffolo. I due esponenti politici, posti ai domiciliari dalla Dia di Catanzaro e dai Carabinieri, sono accusati di “ingerenza clientelare nella gestione di una società di servizi del Comune di Rende con un boss della ‘ndrangheta”.

I due consiglieri, all’epoca dei fatti, sindaco (Bernaudo) e assessore (Ruffolo) del Comune di Rende, avrebbero finanziato una società facente capo ad una cosca cosentina in cambio di sostegno elettorale.

Un terzo provvedimento restrittivo è stato notificato in carcere al presunto boss della ‘ndrangheta di Cosenza, Michele Di Puppo. I fatti si riferiscono alle elezioni provinciali del 2009.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *