Redazione Paese24.it

“Amici del cuore Alto Jonio”. Con il presidente nazionale allo studio iniziativa pro-Ospedale

“Amici del cuore Alto Jonio”. Con il presidente nazionale allo studio iniziativa pro-Ospedale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’associazione “Amici del Cuore Alto Jonio” è sempre in prima linea, sensibilizzando il sociale ma anche aderendo ad iniziative di carattere legale, nella battaglia a favore dell’Ospedale di Trebisacce affinché, dopo il ridimensionamento in Capt deciso dal Piano di Rientro regionale, possa ritornare ad essere un vero presidio sanitario per il comprensorio. L’ultima iniziativa del sodalizio è l’invio di una missiva, preparata dal presidente Antonio Saracino e indirizzata al presidente nazionale di “Amici del Cuore”, il prof. Giovanni Spinella, presso la sede di Modena.

All’interno della lettera sono contenuti, in maniera dettagliata, tutti gli elementi che in questi mesi sono diventati i cavalli di battaglia per sostenere il “Chidichimo”: dal mancato rispetto dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), alla cospicua distanza tra alcuni centri dell’Alto Jonio (nella foto la mappa territoriale) con gli ospedali oggi più vicini (Corigliano, Rossano). Dal mancato rispetto dei parametri per il numero di posti letto ogni mille abitanti (soltanto 200 posti letto circa per 175.000 abitanti nella Sibaritide), al conseguente aumento della spesa familiare per tutelare la propria salute in una zona tra le più povere d’Italia. E come se non bastasse, l’evidente diseconomicità di un Piano di Rientro che è costretto a registrare ulteriori spese per la Regione Calabria in quanto tanti cittadini dell’Alto Jonio si recano per emergenze-urgenze, e non solo, presso l’ospedale di Policoro (Mt), in Basilicata. E non per l’ultimo, la chiusura dell’ospedale di Trebisacce indebolirà ancora di più l’apparato turistico-commerciale di un territorio in grave crisi economica.

Gli “Amici del Cuore” con questa missiva hanno aperto un dialogo con la sede centrale per porre all’attenzione di tutti presidi del sodalizio presenti sul territorio nazionale la grave emergenza sanitaria che l’Alto Jonio cosentino è costretto a subire. Probabilmente, già prima delle festività natalizie, sarà possibile organizzare a Trebisacce un incontro con il presidente nazionale di “Amici del Cuore” per studiare un’iniziativa comune che esca dai confini territoriali. E a tal proposito il prof. Spinella si è formalmente impegnato di farsi portavoce della sezione “Amici del cuore Alto Jonio” presso il tavolo ministeriale del dicastero alla Sanità presieduto da Renato Balduzzi.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *