Redazione Paese24.it

Villapiana, niente sussidi per precari Lpu-Lsu. Proclamato stato di agitazione

Villapiana, niente sussidi per precari Lpu-Lsu. Proclamato stato di agitazione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Dal mese di settembre scorso non vengono erogati i sussidi e le integrazioni per i lavoratori Lpu e Lsu da parte della Regione e ciò sta creando non poche preoccupazioni per i diciassette impiegati al Comune di Villapiana che hanno deciso di riunirsi in assemblea per decidere e concordare eventuali azioni di protesta per rivendicare i propri diritti. Al loro fianco, ancora una volta, si è schierato il sindaco Roberto Rizzuto che, nella circostanza, ha convocato anche i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil. Il sindaco ha ricordato che proprio grazie all’impiego e alla professionalità dei Lpu e dei Lsu i servizi comunali possono essere garantiti, “senza la loro opera-ha sottolineato il sindaco- ci sarebbe il blocco totale dell’attività amministrativa”.

Rizzuto ha inoltre comunicato di voler coinvolgere oltre ai sindacati, anche i sindaci del comprensorio in quella che ha definito “una battaglia giusta per la dignità e i diritti dei lavoratori”. Andrea Perrone della Cgil, nel confermare che la situazione “è drammatica”, si è rivolto alla Regione per dire che “la dignità dei lavoratori non deve essere pestata sotto i piedi” invitando il presidente Scopelliti e la sua Giunta a trovare una soluzione nel prossimo consiglio regionale in programma lunedì 26 novembre. Gianni Tripoli della Cisl ha sottolineato l’importanza dell’azione comune tra sindaci, sindacati e lavoratori per cercare soluzioni possibili ad un problema molto complesso e difficile come il precariato, rammaricandosi del fatto che in passato da parte degli stessi sindacati non vi sia stata una proposta forte per riuscire a ottenere dei regolari contratti per i precari Lpu e Lsu.

Francesco Piterà della Uil impegnato a Rossano ha fatto pervenire la propria adesione all’iniziativa. Mariella Russo e Morena Rizzuto in rappresentanza dei lavoratori hanno sostenuto la necessità di indire azioni di forza come il blocco delle attività se non ci saranno risposte adeguate da parte della Regione, invitando gli stessi amministratori e i sindacati a ricercare soluzioni durature e non temporanee. Infine il sindaco Rizzuto ha invitato tutti ad attendere le decisioni del consiglio regionale di lunedì prima di decidere il da farsi.

Pasquale Bria

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *