Redazione Paese24.it

Longobucco, campionessa di judo Forciniti porta un sorriso ai bimbi di Haiti

Longobucco, campionessa di judo Forciniti porta un sorriso ai bimbi di Haiti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un uragano di iniziativa la judoka azzurra Rosalba Forcinti, l’olimpionica di Longobucco, bronzo a Londra 2012 nella categoria 52 kg. Dopo la mini pausa post olimpica, i festeggiamenti e il dovuto relax, la campionessa cosentina del gruppo Carabinieri è tornata a far parlare di se. Attraverso l’arte del judo la Forciniti ha indossato il kimono azzurro questa volta per recarsi dall’altra parte del mondo. Destinazione Haiti per la bionda Rosalba e iniziativa lungimirante che le fa onore e che soprattutto la vede impegnate nel sociale a carattere internazionale. Da premettere che prima della partenza per Haiti, la Forciniti ha effettuato un lungo tour per promuovere la disciplina del judo in diverse piazze e palestre delle città italiane tra cui alcune anche della sua Calabria.

In queste ultime settimane, invece, il viaggio ad Haiti dove tanti bimbi, molti orfani del terremoto del 2010, sono rimasti incuriositi dal sorriso e dalla disponibilità di questa ragazza che ha esibito anche le tecniche della stessa arte marziale. Forciniti giunta per portare doni e sorrisi ma anche per allenare i bambini degli orfanotrofi della fondazione pluripremiata, in tema di solidarietà, Francesca Rava Nph presso la struttura creata da Padre Rick del Foyer Saint Louis che accoglie 160 bambini orfani del terremoto o in disperato bisogno e con i 40 piccolini dell’adiacente Baby House. Attratti e u po’ increduli molti di loro sono stati conquistati dalla bionda olimpionica calabrese che al ritorno dalla spedizione ha raccontato: «E’ stata un avventura unica e emozionante.

Ringrazio Dio che ho conosciuto gente splendida come gli amici della Fondazione Francesca Rava dove mi appoggio per questa iniziativa. Nei giorni di permanenza ad Haiti ho preso atto che è un po’ la terra del niente e per questo ho accettato la sfida che si può e possiamo vincere tutti insieme con un personale contributo offerto da ognuno di noi. Adottare un bambino a distanza è già un grosso contributo. A Gennaio tornerò ad Haiti per proseguire questa marcia di solidarietà che insieme a tanti intendiamo condurre in porto». Non solo effetto benefico, però, per Rosalba ma anche il pensiero alle fatiche sportive che riprenderanno prossimamente. Nel 2013 ad aprile ci sono gli Europei di Budapest dove la Forciniti punta ad arrivarci al meglio della condizione.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *