Redazione Paese24.it

Il diario del Pollino. Albidona, il pastore che voleva passare il Natale in famiglia e morì sotto la neve

Il diario del Pollino. Albidona, il pastore che voleva passare il Natale in famiglia e morì sotto la neve
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Tra le tante informazioni che chiedevo ai pastori della transumanza, una riguardava anche le feste; le loro feste, cioè se avevano modo di recarsi alla festa patronale del proprio paese e soprattutto a Pasqua e a Natale. Il mio compaesano (di Albidona, ndr) Giuseppe Paladino, meglio conosciuto col soprannome di “Scepp’u Bielle”, che passò tutta la vita con le mandrie dei Chidichimo, mi rispose: “ma che feste !?

Il pastore aveva il permesso di recarsi in famiglia solo con la famosa quindicina, cioè, ogni 15 giorni, per prendere il pane e i vestiti di ricambio. A Natale e a Pasqua, ci mandavano un anno sì e un anno no. Noi pastori, la sera della vigilia di Natale ci riunivamo nella stessa capanna, accanto all’ovile, mangiavamo, ci facevamo pure un bicchiere di vino per stare un po’ allegri, e poi si suonava pure la zampogna. Però, anche a casa nostra si trascorreva un Natale poco allegro, specie per chi aveva moglie e figli piccoli. Loro lo passavano in paese, ma a tavola mancava sempre qualcuno”.

Giuseppe Paladino ricordava un altro fatto spiacevole: “Il figlio di ‘Ndriella, giovane pastore di 17 anni, aveva avuto il permesso di andare in paese per fare il Natale con la madre e i suoi fratelli più piccoli; il padre era morto. Quella sera faceva molto freddo, poi cominciò a nevicare; il figlio di ‘Ndriella, vestito  col caratteristico pellizzòne, riuscì ad avvicinarsi al paese; sentiva già la baldoria della festa, tutte le finestre erano illuminate, ma il vento e la tormenta di neve si fecero ancora più violenti e il povero pastore, che si era spinto fino alla cappella di San Rocco, venne sopraffatto dalla fortissima bufera; si accasciò per terra e  due giorni dopo, fu trovato morto sotto un gran cumulo di neve”. “Questa era in Natale di noi pastori”, diceva con tanta amarezza il vecchio Paladino.

Giuseppe Rizzo

Share Button

One Response to Il diario del Pollino. Albidona, il pastore che voleva passare il Natale in famiglia e morì sotto la neve

  1. piero 2012/12/14 at 17:01

    articolo molto interessante e toccante, relativo ad un passato …remoto, ma non troppo!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *