Redazione Paese24.it

Treni Alto Jonio. Mundo: «La soppressione è una scelta della Regione per fare economia»

Treni Alto Jonio. Mundo: «La soppressione è una scelta della Regione per fare economia»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«I treni sulla tratta Sibari-Taranto sono stati soppressi per una scelta della Regione Calabria che ha preferito autorizzare Trenitalia ad adottare questo provvedimento per spendere di meno. Non è possibile che si dica  che la soppressione dei treni regionali sia addebitabile alla società che gestisce le ferrovie. Questo è molto  grave! Trenitalia non ha alcuna responsablità!». A sostenere questa tesi è il sindaco di Trebisacce Franco Mundo il quale ha riferito che, nel corso dell’incontro tra i sindaci della Sibaritide e dell’Alto Jonio con l’assessore regionale ai Trasporti Luigi Fedele alla presenza dell’assessore provinciale ai Trasporti Giovanni Forciniti che lo ha sollecitato a lungo, lo stesso assessore Fedele ha evidenziato come «il trasposto sostitutivo su gomma ha un costo inferiore a quello su rotaia di circa due terzi. Ecco perché – ha detto Fedele volendosi rifugiare in un comodo alibi – sono stati soppressi i treni».

Rispondendo quindi alle sollecitazioni di altri consiglieri provinciali di convocare un consiglio provinciale urgente per discutere e adottare ogni utile iniziativa atta ad evitare l’ulteriore ridimensionamento della tratta ferroviaria jonica e addirittura chiedere il rilancio ed il potenziamento della stessa, Mundo ha scritto testualmente: «Lungi dal voler aprire una polemica, sento però le necessità, anche a nome degli altri colleghi sindaci, di fare chiarezza, al fine di evitare equivoci e disinformazione e magari per scongiurare tentativi di demagogia mistificando la realtà dei fatti». Il sindaco di Trebisacce chiarisce quindi che l’incontro con l’assessore Fedele è nato dalla concertazione concretizzatasi a Sibari nel corso di due incontri preparatori organizzati dal sindaco di Cassano Jonio Gianni Papasso, tra l’assessore provinciale ai Trasporti Forciniti, i sindaci ed altri esponenti politici della Sibaritide e dell’Alto Jonio. Incontri finalizzati a sensibilizzare la regione Calabria a revocare la soppressione dei treni, al fine di scongiurare il grave danno subito dalle popolazioni con la soppressione dei treni sulla Sibari-Taranto. «E lo abbiamo fatto – aggiunge l’avvocato Mundo volendo rispondere alla pretesa di una eventuale primogenitura di altri colleghi consiglieri – proprio perché riteniamo importante agire in maniera coesa e con grande senso di responsabilità. L’unità politica – aggiunge l’avvocato Mundo dopo aver ricordato che nel merito già il collega Ranù aveva suggerito formalmente di inserire l’argomento all’o.d.g. del consiglio provinciale – deve essere sempre un valore aggiunto». Un invito a serrare le fila dunque, quello che viene dal sindaco Mundo, anche per evitare che questa zona continui a pagare sempre il prezzo più salato della crisi, come è avvenuto nella sanità, proprio perché incapace di stare unita e di remare nella stessa direzione.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *