Redazione Paese24.it

Il diario del Pollino. La Vigilia di Natale dei pastori. E la leggenda degli animali parlanti

Il diario del Pollino. La Vigilia di Natale dei pastori. E la leggenda degli animali parlanti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

E’ arrivato Natale: i pastori del Pollino e i contadini dei nostri paesi dell’Alto Jonio sanno raccontare fatti straordinari. Ricordano storie e leggende che si tramandano da generazione a generazione. Durante le lunghe serate d’inverno, Zi’ Giovanni, sempre seduto accanto al suo grande fuoco, era attorniato dai vicini di casa; noi bambini lo ascoltavamo come un saggio patriarca: con la barbetta bianca che si radeva soltanto nella domenica, e con una pipa che si costruiva con le proprie mani, usando il legno dell’erica, era attentamente ascoltato soprattutto nelle vicinanze di Natale. Ci teneva a raccontare sempre lo stesso fatto, e diceva che  era “successo davvero”, proprio nella masseria di suo nonno:

“La sera della vigilia di Natale, anche il bestiame doveva mangiare bene, come fanno i cristiani che mangiano le nove cose. Ai cani, si dava un po’ latte e il pezzo di pane più grosso,  alle capre e alle pecore lasciavamo grosse fasce di frasca di leccio; alle galline buttavamo grano e orzo; ai porci, ghiande e beverone di crusca; all’asino, alla mula e alla giumenta, una bella coffa di biada; ai buoi mettevamo più paglia, fave bollite e una fascetta di fieno. Poi, appena chiuse le porte della stalla e dell’ovile, ci avviavamo verso il paese, dove le nostre donne avevano già preparato i nove piatti di Natale !

Non potevamo restare a lungo vicino alle stalle, perché i buoi e gli altri animali, dopo essersi saziati col ricco cibo, incominciavano a parlare, come noi…  cristiani! Ma nessuno li può ascoltare, perché se la potrebbe passare male. Una volta, un nostro giovane bovaro che si chiamava Francesco, volle fare il guappo, e invece di venire a mangiare in paese, restò nella masseria e ad ascoltare la messa di mezzanotte. Andò a spiare vicino ai buoi ! La mucca più grande, che si chiamava Rossanella, aprì la bocca e disse agli altri buoi: – consumate tutto ciò che è rimasto nella mangiatoia, perché domani mattina saremo aggiogati al carro per portare al cimitero il nostro guardiano Francesco”.

La mattina dopo, il padrone della masseria tornò in campagna e vide che il suo bovaro Francesco era morto davvero: era disteso proprio dinanzi alla porta della stalla dei buoi !”.

Giuseppe Rizzo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *