Redazione Paese24.it

Carabinieri, nuovi comandanti per le stazioni di Trebisacce e Roseto

Carabinieri, nuovi comandanti per le stazioni di Trebisacce e Roseto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Le caserme di Roseto e Trebisacce

Cambio della guardia presso le stazioni dei Carabinieri di Trebisacce e Roseto. Da questa mattina (lunedì), il maresciallo Vincenzo Bianco, già vicecomandante della Tenenza dei carabinieri di Cassano Jonio, prenderà il posto del maresciallo Marco Carafa, destinato a comandare la Stazione dei carabinieri di Roseto Capo Spulico, rimasta priva di comandante a seguito del pensionamento del luogotenente Carmine Grosso. Il maresciallo Bianco, lucano di Rotondella (Mt), giunge a Trebisacce con un bagaglio di esperienza maturata a Cassano All’Ionio in cui si è distinto per l’attività investigativa, svolta in collaborazione con la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che, tra il 2000 ed il 2007, si è concretizzata in due operazioni, la “Sybaris” e la “Omnia”. La prima operazione ha consentito di identificare un’organizzazione criminale dedita alle estorsioni, alla truffa ed al narcotraffico, consentendo l’arresto di ben settanta persone. Ancora piu’ eclatante l’operazione antimafia “Omnia”con settantatre persone, aderenti ad un’associazione criminale, assicurate alla giustizia per i reati di estorsione, usura, truffa e traffico di stupefacenti nella Sibaritide e nell’Alto Jonio. Infine, ottimo il rapporto con le istituzioni, tant’è che il sindaco di Cassano, Gianni Papasso, in una lettera al prefetto raffaele Cannizzaro, ne ha proposto l’investitura a “Cavaliere della Repubblica”.

I marescialli Vincenzo Bianco (Trebisacce) e Marco Carafa (Roseto)

Il maresciallo Marco Carafa, pugliese, giunto a Trebisacce nel 2009, da questa mattina assumerà il comando della Stazione di Roseto Capo Spulico. Pur rimanendo nel comprensorio, il maresciallo Carafa lascia un ottimo ricordo di se nella città di Trebisacce dove, nonostante un organico carente di uomini, ha operato ed ottenuto risultati dall’attività investigativa. Da poco giunto a Trebisacce si è trovato di fronte ad un caso di incendio doloso. Nell’ottobre 2009 un negozio di abbigliamento venne dato alle fiamme così come, nel marzo 2011, un altro negozio di abbigliamento anch’esso sulla principale via commerciale cittadina, veniva pressoché distrutto da un incendio doloso. A febbraio del 2012, un furto con scasso, perpetrato con una tecnica audace in danno di una gioielleria, sembrava destinato a non avere responsabili. L’attività investigativa, condotta dal maresciallo Marco Carafa, ha consentito di individuare gli autori dei tre atti criminali piu’ eclatanti accaduti a Trebisacce da quando è al comando della locale Stazione dei carabinieri. Autori che hanno un nome ed un volto e sono in attesa di giudizio. Non secondaria, ricordiamo, la collaborazione con la Dda di Catanzaro e con il Comando provinciale dell’Arma nell’individuazione e arresto di sei esponenti di una nascente cosca a Trebisacce, che aveva cominciato a terrorizzare i cittadini del posto ma anche quelli di Roseto e di Amendolara, per attentati contro attività commerciali a scopo intimidatorio per fini estorsivi.

Franco Maurella

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *