Redazione Paese24.it

Cosenza, denuncia problema anoressia. Ballerina licenziata a “La Scala” e premiata a Roma

Cosenza, denuncia problema anoressia. Ballerina licenziata a “La Scala” e premiata a Roma
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La ballerina originaria di Cosenza, Mariafrancesca Garritano (nella foto), licenziata circa un mese fa dal teatro La Scala di Milano per “lesione d’immagine”, dopo aver denunciato il problema dell’anoressia nel mondo della danza in un’intervista al quotidiano inglese The Observer e nel suo libro “La verità vi prego sulla danza”, sarà premiata oggii 8 marzo a Roma nei Musei Capitolini nell’ambito della prima edizione del Premio Venere Capitolina, istituito dall’associazione Universo Femminile, d’intesa con la Commissione Nazionale Patrimonio Artistico di Federproprietà e con il patrocinio di Roma Capitale.

Mary Garret

A promuovere la manifestazione, Valeria Mangani, Antonella Freno e il delegato del sindaco Gianni Alemanno, Domenico Naccari, schieratosi sin da subito in difesa della ballerina. Quella di domani sarà a tutti gli effetti la giornata delle donne; infatti, altre a Mary Garret (nome artistico dell’ ex solista) riceveranno il premio altre 20 eccellenze femminili che rappresentano l’Italia nel mondo dell’arte, del cinema, della televisione, della moda, della cultura. Donne molto note sia nel nostro paese che nel resto del mondo come:  Lina Wertmuller, Mara Venier, Enrica Bonaccorti, Lavinia Biagiotti, Patrizia Mirigliani, Federica Guidi, Elena Bonelli, Laura Comi, Maria Rita Parsi, Rossella Izzo, Mina Giannandrea, Anna Maria Ciuffa, Patrizia de Rose, Cristiana del Melle, Daniela Amadei, Antonella Magagnini, Lella Golfo, Maria Rosaria Gianni, Ludovica Rossi Purini, Tiziana Luxardo, Marilù Simoneschi, Josette Sheeran.

A loro verrà donata una preziosa creazione orafa realizzata dal Maestro Michele Affidato raffigurante il simbolo della Dea Venere. Per la Garritano, che dopo quelle dichiarazioni inaudibili secondo la direzione del teatro la Scala a tal punto da licenziarla perché lesive all’immagine del Teatro stesso e della scuola di danza, sarà questo un 8 marzo importante; la “città eterna” le da massima solidarietà così come le più importanti istituzioni calabresi che promuoveranno a breve, manifestazioni di vicinanza istituzionale.

Mariacarmela Latronico

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *