Redazione Paese24.it

Corigliano, le clementine entrano nel mercato Baltico. L’export sale al 40% del venduto

Corigliano, le clementine entrano nel mercato Baltico. L’export sale al 40% del venduto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il direttore del Consorzio di Tutela delle Clementine di Calabria Igp dottor Giovanni Mastrangelo, esperto in frutticoltura e docente di Estimo all’istituto tecnico commerciale “Filangieri” di Trebisacce, illustra il bilancio della campagna agricola-commerciale appena conclusa. “E’ stata un’annata molto soddisfacente- afferma Mastrangelo- caratterizzata da una forte crescita dell’export verso i Paesi dell’Est Europa in particolare, mentre stabile è rimasto il mercato italiano. In particolare- prosegue Mastrangelo- si sono aperti nuovi orizzonti di mercato nei Paesi Baltici come Lituania, Estonia, Polonia e altri Paesi dell’area balcanica e baltica, in un solo anno le vendite sono aumentate sino al 20%”.

Proseguendo nella disamina dei dati Mastrangelo afferma che, “Se nell’annata 2010-2011 le esportazioni rappresentavano circa il 30% del totale venduto nel 2011-2012 tale percentuale ha raggiunto il 40%. La qualità del prodotto è stata ottima”

“Nel complesso – aggiunge Mastrangelo – abbiamo avuto una stagione migliore rispetto agli anni passati. Mai come quest’anno – conclude – si è compreso come le esportazioni siano diventate ormai la chiave di volta per il comparto e pertanto in questa direzione concentreremo i nostri sforzi futuri”. Il Consorzio di tutela delle Clementine di Calabria Igp raggruppa un centinaio di soci che producono il prestigioso frutto per l’80% a Corigliano e la Piana di Sibari e per il restante 20% tra Lamezia Terme, Rosarno e la Locride. La produzione stagionale si attesta tra i 40 mila e i 50 mila quintali.

Pasquale Bria

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *