Redazione Paese24.it

«A Rossano uno sportello per sordomuti», la promessa del sindaco Antoniotti

«A Rossano uno sportello per sordomuti», la promessa del sindaco Antoniotti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Un momento dell'inaugurazione della nuova sede di rappresentanza intercomunale dell’Ente Nazionale Sordi a Rossano.

Un momento dell’inaugurazione della nuova sede di rappresentanza intercomunale dell’Ente Nazionale Sordi a Rossano.

«Uno sportello in lingua italiana dei segni, per i sordomuti, sarà presto attivato in Città» È la promessa fatta dal sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, nella sede dell’ormai ex circolo culturale e ricreativo dei sordomuti della città bizantina, che da mercoledì sera (28 gennaio ndr) è stata inaugurata come nuova sede di rappresentanza intercomunale dell’Ente Nazionale Sordi a Rossano. La seconda in Calabria, dopo quella di Lamezia Terme e che sarà diretta dalla delegata Elena Oranges.

All’inaugurazione, oltre al sindaco, erano presenti l’assessore alle Politiche Sociali Giandomenico Federico, il presidente regionale dell’Ens Antonio Mirijello, i presidenti delle sezioni provinciali di Cosenza, Ugo Michele Passarelli e di Catanzaro Serafino Mazza e il consigliere della provincia di Crotone, Gino Curcuglioniti.

«Accogliendo le istanze delle sezioni regionali e provinciali dell’Ens – ha affermato il primo cittadino – ci impegneremo per la futura apertura dello sportello Lis. Un importante progetto di inclusione sociale che vogliamo assolutamente sostenere. L’affermazione e la tutela dei diritti delle persone con disabilità è un impegno e un imperativo categorico di questo esecutivo».

«Siamo vicini – ha aggiunto l’assessore Federico – e sosteniamo le categorie più deboli e disagiate, perché hanno bisogno del nostro appoggio. Per questo ribadisco la mia piena disponibilità a supporto di questo nuovo ente ed a sostegno della creazione dello sportello Lis che speriamo possa essere al più presto istituito. E che metterebbe a disposizione dei sordomuti  – ha concluso l’assessore –  un interprete in lingua italiana dei segni in grado di recepire i loro disagi, le aspirazioni, gli interessi e le diverse problematiche, al fine di poter dar loro un aiuto concreto e le giuste indicazioni per essere inseriti nel contesto sociale in cui vivono».

Pasqualino Bruno

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *