Redazione Paese24.it

Un tavolo tecnico per la riapertura dell’ospedale di Trebisacce

Un tavolo tecnico per la riapertura dell’ospedale di Trebisacce
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I problemi in cui si dibatte l’Alto Jonio sono tanti e tutti gravi, a cominciare dal dissesto idrogeologico che sta emergendo in tutta la sua drammaticità in questi giorni, ma non possiamo dimenticare le enormi lacune della sanità e quindi l’importanza della riapertura dell’ospedale di Trebisacce. E’ su questa priorità che ha deciso di doversi impegnare la Conferenza dei sindaci del Comprensorio convocata dal sindaco di Trebisacce Franco Mundo per discutere della sanità, dell’ufficio del Giudice di pace e del dissesto idrogeologico. All’incontro erano presenti i sindaci o i loro delegati dei comuni di Trebisacce, Amendolara, Albidona, Alessandria del Carretto, Canna, Nocara, Cerchiara, Castroregio, Montegiordano, Oriolo, Rocca Imperiale, Roseto, San Lorenzo Bellizzi e Villapiana i quali hanno preso atto che i servizi sanitari ormai da oltre un lustro rappresentano la vera emergenza delle popolazioni dell’Alto Ionio.

«Preso atto della necessità di dover “aggredire” questo problema attraverso la redazione di una proposta condivisa che parta da territorio, con particolare riguardo all’ospedale di Trebisacce, da sottoporre al presidente Oliverio e al nuovo Commissario ad acta, – si legge nella nota riassuntiva dei lavori – è stato deciso di costituire un tavolo tecnico con la presenza di sindaci, di esperti di politica sanitaria e di medici che preveda la riapertura dell’ospedale di Trebisacce nell’ambito della legislazione vigente e nel rispetto dei LEA». Si è inoltre deciso altresì di chiedere al nuovo commissario dell’ASP un incontro urgente per riorganizzare la medicina territoriale nell’ambito del distretto socio-sanitario di Trebisacce.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *