Redazione Paese24.it

Vivere di agricoltura. Nel Pollino le qualità del “fagiolo poverello bianco”

Vivere di agricoltura. Nel Pollino le qualità del “fagiolo poverello bianco”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il Fagiolo Poverello bianco è un ecotipo locale di Phaseolus vulgaris L., si coltiva nel territorio del Parco Nazionale del Pollino, nelle aree irrigue del comune di Mormanno e, in forma più limitata, nei comuni di Laino Castello, Laino Borgo e Aieta, in provincia di Cosenza. Qualitativamente si caratterizza per il seme grosso di forma ovale, bianco, privo di screziature, bassa percentuale di tegumento e ridotto tempo di cottura. Ha un elevato contenuto proteico mediamente pari a circa 26 % e alti valori di proteine solforate. Questo ecotipo di fagiolo, fino a circa mezzo secolo fa, nel territorio di origine occupava una maggiore superficie con una maggiore produzione, rispetto a quella attuale. Successivamente, sia la  superficie coltivata che la produzione si sono progressivamente ridotte.

Partendo da una indagine conoscitiva e dalla caratterizzazione qualitativa della granella, il Centro di Divulgazione Agricola (Ce.D.A.) n. 2 dell’ARSAC di Castrovillari (CS) in collaborazione con l’Istituto di Bioscienze e Biorisorse del CNR di Bari, ha realizzato diverse iniziative finalizzate al rilancio del Fagiolo Poverello bianco, determinando così un maggiore interesse da parte dei consumatori e un conseguente aumento della superficie coltivata. La semina di questo fagiolo si effettua entro la prima metà di giugno, la tecnica di coltivazione, come nella  tradizione, esclude l’uso di prodotti chimici di sintesi e si raccoglie entro ottobre. La resa media in granella secca è pari a circa 15 quintali per ogni ettaro di terreno e si vende a circa 7,00 (sette) Euro al Kg, realizzando così un valore medio della Produzione Lorda Vendibile (PLV) per ettaro di oltre 10000,00 (diecimila) Euro.

Altro valore aggiunto deriva dalla utilizzazione di questo fagiolo insieme ad altri nostri prodotti di eccellenza nella ristorazione locale. Il Fagiolo Poverello bianco potrebbe aspirare, oltre che alla Denominazione Comunale (De.Co.), all’attribuzione di un marchio di tutela europeo (IGP, DOP, ecc.). In conclusione, alla luce delle caratteristiche descritte, anche questo eccellente prodotto del nostro territorio, molto gradito dai consumatori, rappresenta un’altra opportunità di reddito per le giovani generazioni.            

Luigi Gallo(*)

(*)ARSAC-Centro di Divulgazione Agricola (Ce.D.A.) n. 2 del Pollino-Castrovillari (CS)

Condividilo Subito

5 Responses to Vivere di agricoltura. Nel Pollino le qualità del “fagiolo poverello bianco”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *