Redazione Paese24.it

“Liberi di volare” contro solitudini virtuali. Nei licei di Corigliano è lotta alle dipendenze dei ragazzi

“Liberi di volare” contro solitudini virtuali. Nei licei di Corigliano è lotta alle dipendenze dei ragazzi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“Liberi di volare” è atterrato sui Licei di Corigliano. Due distinti appuntamenti che si sono tenuti il 25 ottobre 2019 scorso al liceo classico “G. Colosimo” e il 28 ottobre 2019 al liceo scientifico “Fortunato Bruno”. La manifestazione rientra nell’ambito delle giornate di prevenzione dalle dipendenze: droga, alcolismo, ludopatia, bullismo, solitudini virtuali.  Il progetto, sostenuto dalla Unipromos – associazione di promozione sociale, presieduta dal calabrese Domenico Mamone – volta alla sensibilizzazione su tematiche legate alla cultura della legalità e al contrasto delle dipendenze patologiche, vede come soggetto attuatore l’associazione “Sibari città del sole”, si propone l’obiettivo di fornire informazioni e rafforzare gli strumenti di difesa degli adolescenti, soggetti maggiormente a rischio poiché più fragili e più esposti ai pericoli delle dipendenze patologiche. A introdurre i lavori il Dirigente scolastico Pietro Antonio Maradei. Presente l’assessore all’Istruzione e ai Servizi sociali, Donatella Novellis, «I giovani sono il futuro» –  ribadisce l’assessore Novellis che rivolgendosi alla platea afferma: «Siate guida per i vostri amici più fragili. La scuola è faro di crescita e strumento di emancipazione».

Ha preso poi la parola il Coordinatore generale del progetto Benedetto Di Iacovo che, dopo una disamina dei pericoli delle dipendenze, ha esposto la mission di tale importante attività nelle scuole, non solo della Calabria, ma anche della Sicilia e del Lazio. «I giovani hanno il diritto alla felicita e al futuro -ha esordito- ma hanno il dovere di essere liberi da ogni forma di dipendenza patologica. È anche questo il senso – ha sottolineato Di Iacovo- della somministrazione agli studenti di un questionario in forma anonima per cercare di far emergere e monitorare eventuali dipendenze negli istituti scolastici, che intendiamo prevenire e contrastare, perché a primeggiare sia la legalità e la tutela della salute». La professoressa Rosa Boragina, referente del bullismo e cyberbullismo per i licei di Corigliano, ha approfondito tale problematica che affligge le comunità scolastiche, spiegando come non solo il bullo, ma anche gli atteggiamenti omertosi di chi gli sta intorno, rendono tutti egualmente colpevoli nei confronti della vittima. Sindrome di hikikomori, nomofobia, attacchi di panico, depressione e una crescente e radicale solitudine, questi sono i disturbi provocati dalla dipendenza da internet, su cui si è soffermata la professoressa Annagiulia Lo Giudice, sottolieando come le ore giornaliere di connessione siano in continuo aumento, circa 7-8 ore, diminuendo drasticamente il tempo della comunicazione verbale diretta.

Redazione

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *