Redazione Paese24.it

Conti in rosso al Comune di Nocara. Consiglieri di minoranza replicano al sindaco

Conti in rosso al Comune di Nocara. Consiglieri di minoranza replicano al sindaco
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – L’attuale Amministrazione comunale ha affisso dei manifesti murali nei quali viene riportato un elenco di fatture e servizi non pagati dalla precedente Amministrazione pari a 293 mila euro.  Non siamo, nell’immediato, nelle condizioni di verificare tutte le voci e la correttezza di questi dati, che solo il 6 di agosto 2019, per bocca dell’attuale sindaco, erano 200 mila e che oggi sono di altro importo. Da una prima verifica risulta infatti  che alcuni presunti creditori risultano inesistenti, perchè regolarmente liquidati. E’ stato miserevole l’inserimento nel predetto elenco di somme come: 62,04- 48.80- 183,00-109,80-36,60-84,88- 97,60- 38,93- ecc. immaginando che un elenco molto lungo avrebbe impressionato i  lettori più sprovveduti.  Il sindaco uscente (oggi consigliere di minoranza, ndr) ha dichiarato pubblicamente che i tagli sui trasferimenti  operati negli ultimi anni dallo Stato, avevano messo il comune in forte difficoltà e che c’erano ritardi nei pagamenti vari, fino ad annunciare la possibile  consegna delle chiavi del Comune al Prefetto di Cosenza.

L’Amministrazione uscente a fronte delle gravi difficoltà economiche ha fatto una scelta di campo: pagare gli stipendi dei dipendenti ritardando  alcuni  pagamenti. L’attuale sindaco, sul palco, oltre a preannunciare una improbabile rivoluzione, ha sostenuto che bastava eliminare gli sprechi  e che si sarebbe potuto fare tutto: strade, acquedotti, illuminazioni ecc. Poi però si arriva in comune e ci si accorge che non ci sono sprechi e soprattutto non ci sono fondi per dare attuazione ai proclami fatti sul palco. Allora occorre crearsi un alibi per giustificare non solo la mancata realizzazione della rivoluzione annunciata ma soprattutto per giustificare il proprio fallimento. Sarebbe stato utile e soprattutto corretto spiegare  ai nocaresi in che modo e con quali fondi si potevano  liquidare queste pendenze, nonché necessario spiegare alla cittadinanza quali spese superflue sono state fatte per determinare il debito denunciato. I debiti, quelli  non giustificabili che determinano un atteggiamento irresponsabile da parte di una amministrazione pubblica,  si determinano quando si decide di utilizzare fondi di bilancio, per cose assolutamente non prioritarie. Nel mese di  agosto 2019  sono stati spesi,  attingendo a  fondi di bilancio, circa 13.000,00 euro per gruppi musicali che si sono esibiti in piazza durante “l’estate nocarese”. Nello stesso periodo sono state acquistate Luminarie per circa 6.000,00 euro. Ma Il fiore all’occhiello dell’attuale amministrazione è rappresentato dal contenuto della delibera di Giunta municipale n. 36 del 31.7.2019 nella quale è stato stabilito l’utilizzo dal 1° settembre 2019  di 2 ragionieri aumentando la spesa di circa 15 mila euro l’anno. Questi sono gli esempi di scelleratezza amministrativa che portano l’Ente diritto verso il precipizio.

Adesso che l’alibi è servito, attendiamo, il mancato pagamento degli stipendi dei dipendenti, seguito dall’annuncio della dichiarazione di dissesto finanziario. Un pensiero, come atto dovuto, va all’estensore manuale del MANIFESTO, che aggredisce e scredita gratuitamente,  la passata Amministrazione: “per te parla il tuo passato di vita professionale opaco e  melmoso”. Nei prossimi  mesi  verificheremo passo,  passo e con grande attenzione con quali fondi saranno pagati le utenze e servizi relativi ai costi  sostenuti a partire dal 1.6.2019 e soprattutto sarà nostra cura chiedere una verifica contabile all’ 01/06/2020. Ciò detto,  questa Amministrazione e soprattutto l’attuale sindaco non sono in condizioni di dare lezioni di gestione della cosa pubblica a nessuno. E’ d’obbligo poi chiarire a proposito dei pagamenti a  favore dell’ex sindaco Francesco Trebisacce, non presenti nell’elenco dei presunti debiti. “Ho svolto il mio ruolo di Sindaco dal 2009 al 2019 – scrive Trebisacce – percependo una modesta indennità di carica di 460 euro mensili , che credo di aver guadagnato con il mio lavoro di tutti i giorni senza rubare niente a nessuno, tanto meno al mio Ente, per cui non credo di dovermi  vergognare di nulla”.

I consiglieri di minoranza del Comune di Nocara

Share Button

One Response to Conti in rosso al Comune di Nocara. Consiglieri di minoranza replicano al sindaco

  1. Giuseppe Pagano 2019/11/14 at 06:27

    Anche se Nocara e’ un piccolo paese,la somma debitoria denunciata dall’attuale Sindaco non mi pare essere irrimediabile e percio’ l’attuale Amministrazione dovrebbe attivarsi per azzerare in tempi dovuti tale somma debitoria.Tutti i Comuni,finanziariamente non navigano in buone acque ma tutti i Sindaci devono attrezzarsi per cercare di andare avanti e tenere in vita i nostri piccoli centri urbani.Una cosa e’ certa:oggi e’ difficilissimo amministrare un Comune.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *