Redazione Paese24.it

Oriolo, cumuli di immondizia lungo le strade. «Preoccupati per rischio igienico-sanitario»

Oriolo, cumuli di immondizia lungo le strade. «Preoccupati per rischio igienico-sanitario»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ad Oriolo l’emergenza rifiuti sta assumendo connotati preoccupanti. Alle lamentele di tanti cittadini sul web, in queste ore si aggiunge anche la voce della minoranza in seno al Consiglio Comunale, guidata da Francesco Cirò. Ormai da giorni – da quanto si apprende – i cumuli di immondizia fanno bella vista sul ciglio della strada, anche in alcuni punti centrali di uno de “I Borghi più belli d’Italia” (nella foto) che da qualche tempo ha pure aderito alla raccolta differenziata “porta a porta”. Sicuramente sull’Amministrazione Comunale, guidata dal neo sindaco Simona Colotta, incombe la spada di Damocle di un’emergenza rifiuti regionale che si spinge ben oltre i confini di Oriolo e per la quale gli organi preposti non riescono a trovare soluzioni adeguate. Però è pur vero – come lamenta la stessa minoranza – che in casi come questi, di emergenza assoluta, maggiormente in tema di rifiuti e quindi con il rischio igienico-sanitario, i comuni possono attrezzarsi in proprio per arginare momentaneamente la problematica.

«Sin dal dissequestro del centro di raccolta comunale dei rifiuti ubicato in località “Ponte Falce” avvenuto il 25/07/2019 – dichiara il capo gruppo di minoranza, Franco Cirò – abbiamo chiesto, più volte, al sindaco di provvedere ai lavori strutturali e migliorativi dell’area per l’adeguamento previsto e quindi l’utilizzo immediato della stessa evitando così accumuli incontrollati nel centro abitato. Sono passati ormai mesi, dei lavori nell’isola ecologica non si sa niente e i nostri ripetuti suggerimenti inascoltati. Sarebbe bastata un po’ di più di accortezza – continua Cirò – così come hanno fatto altri sindaci con provvedimenti d’urgenza, nell’individuare un’area per lo stoccaggio provvisorio, attrezzarla, controllarla, convenzionarsi con una ditta specializzata e tutto questo scempio si sarebbe potuto evitare». La preoccupazione della minoranza consiliare, per voce del suo capogruppo, è imputabile maggiormente ad un possibile rischio igienico sanitario, dato che i rifiuti – da quanto ci riferiscono – vengono accatastati anche nei pressi di negozi, uffici, scuole.

«Si potevano e dovevano essere coinvolti enti tecnico-sanitari come l’Asp e l’Arpacal – precisa Cirò -. Un loro parere sarebbe stato utile anche per una possibile ordinanza, per cercare di arginare eventuali ripercussioni sulla salute pubblica. Ad Oriolo, ad oggi, nessun provvedimento è stato fatto e pertanto l’igiene e il pericolo per la salute è alto. Nei comuni vicini – fa notare il candidato a sindaco nell’ultima tornata elettorale, Cirò –  pur avendo avuto problematiche relative al trasferimento nei centri di raccolta, la situazione è migliorata e in alcuni casi è tornata alla normalità. Pertanto vogliamo sottolineare l’incapacità del sindaco e di questa amministrazione».

Vincenzo La Camera

Share Button

4 Responses to Oriolo, cumuli di immondizia lungo le strade. «Preoccupati per rischio igienico-sanitario»

  1. giuseppe pagano 2020/01/31 at 10:43

    Da lettore assiduo di Paese24.it ho notato più volte critiche sull’operato dell’attuale Amministrazione Comunale di Oriolo.Il Sindaco,però.non interviene per rispondere alle accuse mosse dai suoi cittadini.Questo mutismo del primo cittadino è inspiegabile.

    Rispondi
  2. Teodoro Carbone 2020/01/31 at 15:49

    Ma quanta incapacità da parte di questi amministratori!Loro che con l’esempio avuto in passato,avrebbero potuto far tesoro dei preziosi insegnamenti lasciati in eredità!Lasciatemi dire che sono la vergogna della politica!

    Rispondi
  3. Marcello 2020/01/31 at 23:49

    Marcello,
    è facile fare la diagnosi quando non siamo noi a stare in trincea, vorrei far notare che non ci sono provvedimenti eccezionali che il Sindaco può adottare. Lo stoccaggio temporaneo, per la frazione organica e per l’indifferenziato, è vietato. Il Sindaco di Oriolo deve obbligare la cittadinanza, a fare la differenziata, nell,isola può stoccare, in modo momentaneo le casse di vetro, di multimateriale e di carta, tutto il resto deve essere raccolta con i compattatori e sperare di scaricare. Tutto il materiale può essere tenuto nei balconi o nei magazzini, l,emergenza è per pannolini, per pannoloni, per assorbenti. Anche l,umido in caso di emergenza si può scaricare in modo eccezionale in una buca in un qualsiasi terreno. Signori siamo in una fase particolare solo differenziando il più possibile si può arginare il fenomeno. Io non sono di Oriolo, sono passato qualche giorno fa è ho visto le buste, mi sono arrabbiato e vergognato, ma non contro il Sindaco ma contro tutti gli imbecilli che abbandonano le buste sul suolo comunale, come se quel rifiuto non fosse nostro ma del Sindaco.

    Rispondi
  4. Teodoro Carbone 2020/02/02 at 10:34

    Imbecille sarà lei,egregio signore!Probabilmente appartiene a quella categoria di amministratori incapaci,come quelli di Oriolo,pronti a puntare il dito sulla popolazione perchè non in grado di far fronte a una simile emergenza.Metta allora,visto che è così bravo a parlare,un suo terreno a disposizione dove interrare l’umido!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *