Redazione Paese24.it

Corigliano. Arrestato dai carabinieri un marocchino ricercato da due anni

Corigliano. Arrestato dai carabinieri un marocchino ricercato da due anni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto nel pomeriggio di ieri un cittadino marocchino di 31 anni in esecuzione di un provvedimento emesso dall’A.G. di Milano nel gennaio del 2018, da quando lo stesso si era reso irreperibile. Nello specifico durante un normale posto di controllo sulla s.s.106, e precisamente nella strada che conduce dallo scalo al centro storico di Corigliano, i militari della Stazione di Corigliano Calabro Centro fermavano un soggetto marocchino a bordo di una Lancia Ypsilon di colore grigio. Richiesti, come da prassi, i documenti di circolazione del veicolo e la patente di guida, venivano inseriti nella Banche Dati in uso alle Forze di Polizia, da cui emergeva l’allert che il nominativo inserito era da ricercare.

Esattamente, svolgendo i dovuti accertamenti, si evinceva che E.Y., marocchino di 31 anni, era destinatario di un ordine di carcerazione per essere stato condannato in via definitiva per il reato di detenzione di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti a Milano Reato che aveva commesso nel 2014 quando era stato arrestato in flagranza insieme ad un connazionale con quasi 2 kg di hashish, materiale per il confezionamento e la pesatura della sostanza stupefacente, nonché diverso denaro contante, tutto materiale trovato presso locali di pertinenza della sua abitazione dove viveva a Milano. Portato in caserma dai i militari ausonici, veniva sottoposto al fotosegnalamento per avere certezza univoca della sua identità. Una volta avuto conferma della stessa, si procedeva alla notifica dell’ordinanza che disponeva la detenzione in carcere per una pena definitiva di 2 anni e mezzo. Avvisato il Sostituto Procuratore della Repubblica di Castrovillari, l’arrestato veniva tradotto presso la Casa Circondariale del comprensorio, a disposizione dell’A.G. competente.

Redazione

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *