Redazione Paese24.it

Coronavirus, il cuore del Fai batte anche per i “Luoghi della salute”

Coronavirus, il cuore del Fai batte anche per i “Luoghi della salute”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Parte oggi, 6 maggio, la decima edizione del censimento “I Luoghi del Cuore”, promosso dal Fondo Ambiente Italiano (Fai), in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Fino al prossimo 15 dicembre, sul sito www.iluoghidelcuore.it, si potrà votare i luoghi che si amano di più e che si vorrebbe tutelare e valorizzare. L’obiettivo è quello di suscitare l’interesse dei cittadini italiani verso le bellezze locali cui destinare fondi per un progetto di recupero. Un appuntamento nazionale, che quest’anno deve fare i conti con l’emergenza del coronavirus. Si può scegliere in un database di 37mila luoghi, che interessano oltre l’80% dei Comuni italiani. Alcuni sono stati segnalati da una sola persona, per altri invece si sono mobilitate decine di migliaia di cittadini.

Dopo due mesi di isolamento, nella settimana in cui l’Italia timidamente riparte, anche il Fai entra, così, in una nuova fase grazie all’avvio di questa grande campagna nazionale: un’opportunità per ciascuno di esprimere, quasi fosse un urlo liberatorio, il sentimento appassionato verso il Bel Paese. Proprio ora, mentre i musei, i monumenti e i Beni del Fai sono ancora necessariamente chiusi.

Quest’anno il censimento si arricchisce di due classifiche speciali. La prima dedicata all’“Italia sopra i 600 metri”, cioè a luoghi che appartengono alle aree interne montane del Paese. La seconda è relativa ai “Luoghi storici della salute” (ex ospedali, storiche farmacie, antichi sanatori, padiglioni di fine ‘800)  che oggi, a fronte dell’emergenza sanitaria, sono divenuti valorosi presidi a tutela dei cittadini, grazie all’instancabile prodigarsi dei medici e del personale paramedico.

Come di consueto, i luoghi più votati verranno premiati, a fronte della presentazione di un progetto concreto: 50.000 euro, 40.000 euro e 30.000 euro saranno assegnati rispettivamente al primo, secondo e terzo classificato, mentre il luogo più votato via web diventerà protagonista di un video, storytelling o promozionale, realizzato a cura della Fondazione. Per i vincitori delle due classifiche speciali sono in palio complessivamente 20.000 euro. Fai e Intesa Sanpaolo, dopo la pubblicazione dei risultati, lanceranno inoltre il consueto bando per la selezione degli interventi in base al quale tutti i proprietari (pubblici o non profit) e i portatori di interesse dei luoghi che hanno ottenuto almeno 2.000 voti potranno presentare alla Fondazione una richiesta di restauro, valorizzazione o istruttoria sulla base di specifici progetti d’azione.

Questa mattina, durante la conferenza stampa digitale, il presidente del Fai nazionale, Andrea Carandini ha invitato «tutti gli italiani, e non solo, a partecipare e a votare i luoghi del cuore, a uscire dai contesti elitaria cui il Fai anni addietro si rifaceva, a uscire dal “proprio io ” e a passare al “noi solidale” attraverso un’azione collettiva per salvare il bene amato e prediletto».

Federica Grisolia

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *