Redazione Paese24.it

Videogiochi e online: il successo del live gaming

Videogiochi e online: il successo del live gaming
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

In questo periodo storico c’è un settore dell’intrattenimento che sta vivendo un momento d’oro: il gaming online. Ogni giorno milioni di appassionati e videogiocatori si collegano in rete per cimentarsi con i propri titoli preferiti, seguire i propri campioni di riferimento sulle piattaforme di streaming e sfidare avversari in carne e ossa sparsi in ogni angolo del globo. Un successo planetario su cui hanno influito due fattori fondamentali: il boom del gioco in mobilità e la nascita della modalità live.

Della diffusione e del crescente utilizzo di smartphone e tablet si è detto tutto o quasi. Basti pensare che soltanto in Italia circa il 75% della popolazione utilizza i dispositivi mobili di ultima generazione ogni giorno. E tra le attività che vanno per la maggiore c’è il gioco con app che diventano veri e propri best seller e che vendono spesso più dei titoli per console o pc.

Ma c’è un altro fenomeno che sta emergendo con forza ed è quello della modalità di gioco live. Prima di entrare nel dettaglio e capire come funziona, è importante sottolineare che moltissimi grandi nomi dell’intrattenimento online come PokerStars Casinò, Epic Games e Activision Blizzard hanno deciso di puntare in maniera decisa sul comparto del live creando nuovi ambienti di gioco o titoli che possono essere giocati soltanto in questa modalità.

Una vera e propria “investitura” per un concetto di base molto semplice. La forza del live, infatti, è quella di sfruttare le potenzialità della rete per permettere alle persone di sfidare avversari sparsi in ogni angolo del globo e in tempo reale. Un concetto che ha trovato terreno estremamente fertile nei giochi FPS, ovvero negli sparatutto in prima persona, e nei casinò games dove chi si collega ha la possibilità di godere dell’ambientazione delle tradizionali sale da gioco e di interagire con croupier in carne e ossa. Il tutto senza muoversi dal divano di casa.

E se fin qui abbiamo parlato di esperienze di gioco in “single player” lo stesso discorso può essere applicato ai titoli cooperativi, settore in cui i multiplayer live si stanno affermando come la nicchia di maggior successo e con le maggiori potenzialità di crescita. Titoli come Fortnite, Honour of Kings/Arena of Valor, Fantasy Westward Journey e Lineage 2 Revolution, in cui bisogna formare un team per giocare, sono balzati in pochi mesi in cima alle classifiche dei giochi più remunerativi e promettono di restarci per molti mesi.

Ci sono anche altri due elementi che hanno dato il via a questo cambiamento epocale nel mondo di concepire e considerare il gioco: il primo è la nascita delle piattaforme di streaming specializzate. E il nome che balza subito in mente è quello di Twitch. Per chi ancora non lo conoscesse stiamo parlando di un sito specializzato nella trasmissione di sessioni di gioco online in cui è possibile interagire in chat con i player e scambiare opinioni, suggerimenti e quant’altro. Il tutto in tempo reale. Nata nel 2011, Twitch ha riscosso un successo incredibile e oggi è di proprietà di Amazon.

Il secondo elemento è quello del riconoscimento degli esports come disciplina sportiva a tutti gli effetti. Dopo anni di snobismo intellettuale i tornei competitivi di videogiochi hanno iniziato a ricevere una copertura mediatica sempre più positiva, i giocatori più forti sono stati ingaggiati dai club con contratti da professionisti e le stesse leghe sportive hanno promosso tornei ufficiali. Tornei seguitissimi e in grado di attirare notevoli sponsorizzazioni e coperture.

Si va dunque verso un futuro in cui sarà il live a farla da padrone e in cui potrebbero scomparire le copie fisiche dei giochi. A maggior ragione se si completerà l’ultima svolta annunciata da molti esperti di settore: la fusione tra gioco in diretta e gioco in mobilità. Se oggi per prendere parte alle competizioni più importanti servono postazioni di un certo livello e console di ultima generazione, tra qualche anno potrebbe essere sufficiente possedere uno smartphone per laurearsi campioni del mondo di Fortnite o FIFA. (guest post)

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *