Redazione Paese24.it

Coronavirus in Calabria. I dati della Regione. Aumentano i ricoveri all’ospedale di Cosenza

Coronavirus in Calabria. I dati della Regione. Aumentano i ricoveri all’ospedale di Cosenza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 163.844 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.623 (+27 rispetto a ieri su 1508 tamponi effettuati), quelle negative sono 162.221.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 10 in reparto; 19 in isolamento domiciliare; 186 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 12 in reparto; 61 in isolamento domiciliare; 453 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 2 in reparto; 83 in isolamento domiciliare; 296 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 1 in reparto; 16 in isolamento domiciliare; 116 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 5 in isolamento domiciliare; 84 guariti; 5 deceduti.

 Altra Regione o Stato Estero: 182 (nel totale è compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione).

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture che nel tempo sono stati dimessi.

I ricoverati del setting “Fuori regione” (8) e dei migranti (1) sono stati distribuiti nei reparti di degenza; complessivamente i ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro sono dieci, di cui cinque non sono residenti. Dei dodici pazienti ricoverati al reparto di malattie infettive di Cosenza, quattro sono “non residenti”; cinque casi sono riconducibili a Corigliano Rossano, sei al CARA di Amantea e per tre l’indagine è in corso. A Reggio Calabria due casi sono riconducibili al focolaio di Oppido.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 3.243.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Redazione

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *