Redazione Paese24.it

Mandatoriccio. Nuovo dirigente all’Istituto Comprensivo dislocato in cinque comuni

Mandatoriccio. Nuovo dirigente all’Istituto Comprensivo dislocato in cinque comuni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Mirella Pacifico è il nuovo dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo statale di Mandatoriccio. Una scuola, per certi versi variegata, in quanto è costituita dall’infanzia, dalla primaria e dalla secondaria di primo grado, così come tutti i comprensivi d’Italia. C’è da aggiungere, però, che è dislocata in cinque comuni, vale a dire,  Mandatoriccio,  Calopezzati,  Campana, Pietrapaola,  Scala Coeli ed è articolata in ben 16 plessi scolastici. Complessivamente è frequentata da  circa 520  alunni e vi operano 90 docenti. Pur essendo fresca di nomina, la dottoressa Pacifico ha, alle sue spalle, una lunga carriera professionale. Oltre ai numerosi anni di insegnamento, la professoressa Mirella Pacifico, per un lungo periodo è stata distaccata, prima presso l’Ufficio scolastico regionale della Calabria, poi presso l’Uciim, Unione cattolica italiana degli insegnati, dirigenti, educatori e formatori.  La realtà territoriale in cui opera è ben conosciuta dalla nuova dirigente, non solo perché proveniente dalla vicina Mirto Crosia, ma anche in quanto direttore dell’Ufficio Scuola dell’Arcidiocesi di Rossano Cariatipresidente della sezione Uciim di Mirto – Rossano, nonché consigliere nazionale di quest’ultimo sodalizio.

Ottima l’accoglienza ricevuta nella scuola che è chiamata a dirigere. Dal canto suo, ha augurato a tutte le componenti della scuola di poter insieme, “condividere un viaggio che, pur nelle evidenti difficoltà del periodo legate al Covid-19, possa essere  ricco di momenti gioiosi e di soddisfazioni, verso quello che è il fine ultimo della nostra azione: il benessere degli alunni, la formazione integrale di tutte le loro dimensioni: cognitive, sociali, spirituali, lo sviluppo della consapevolezza dell’idea che un ragazzo ha di sé”. Nel suo ruolo di dirigente, quindi anche di coordinatrice, di una realtà complessa, la dottoressa Pacifico spera “di riuscire ad allineare – ha detto – le risorse umane, professionali e finanziarie verso l’identità della scuola, così da costruire un capitale relazionale, all’interno e al di fuori dalla scuola, dove si sperimenta la partecipazione, la solidarietà, la valorizzazione delle differenze, la gestione dei conflitti”. La dirigente Pacifico pensa, quindi, “a una scuola che esce dalle sue mura, incontra il territorio, si confronta e cresce con esso”; al contempo, desidera “un territorio che vive la scuola, che entra in essa, che la vive insieme agli alunni e a tutto personale che vi opera quotidianamente”.

Redazione

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *