Redazione Paese24.it

Coppa Italia. Cosenza avanti ai calci di rigore. Alessandria KO

Coppa Italia. Cosenza avanti ai calci di rigore. Alessandria KO
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il Cosenza, sia pur con una formazione infarcita di seconde linee, batte l’Alessandria, di Lega Pro, ai calci di rigore ( 3-1 dopo lo zero a zero dei tempi regolamentari e supplementari) ed affronterà la Reggiana, compagna di Serie B, al terzo turno di Coppa Italia; con la seria speranza di andare, poi, a sfidare il Parma al Tardini in inverno. La gara del San Vito-Marulla, al di là del risultato, ha ribadito la necessità di rinforzare il reparto avanzato. Sacko è apparso tecnicamente di categoria superiore ma leggero nel tiro in porta. Se la sono cavata meglio i primavera Sueva e La Vardera tra mediana ed attacco ma i Lupi necessitano di qualcosa in più. Ottima, ancora, la prova di Sciaudone ed Idda. Sugli scudi anche il vice Saracco, Falcone, autore di tre parate super ai rigori. I piemontesi hanno, tutto sommato, tenuto il campo ma sono stati poco precisi dal dischetto con Casarini, Arrighini e Di Quinzio, mentre i rossoblù non hanno mai sbagliato dagli 11 metri.

PRIMO TEMPO DEL COSENZA Nei primi minuti i padroni di casa prendono subito l’iniziativa e, con un colpo di testa di Tiritiello e con un diagonale di Sueva, mettono qualche apprensione alla retroguardia ospite. Poco prima del 30′ miracolo del portiere cosentino Falcone che, grazie anche all’intervento di Sciaudone sulla linea, sventa una botta in diagonale di Eusepi dentro l’area di rigore, di sicuro l’occasione più ghiotta per i grigi (nell’occasione in maglia rossa, ndr) in questa prima frazione di gioco. L’intensità della gara aumenta, con continui cambi di fronte. Il Cosenza riparte e, con Sakho dopo aver dialogato con Bahlouli, impegna ancora il portiere grigio Crisanto.

SECONDO TEMPO A RITMI BASSI Nel secondo tempo i ritmi sono più blandi. A venti minuti dalla fine il tecnico ospite getta nella mischia anche Arrighini e Scognamillo, al posto di Corazza e Blondett. Grazie ai cambi il ritmo della gara torna ad alzarsi. A cinque minuti dalla fine Crisanto si esalta ancora contro Bahlouli. Provvidenziale, poi, Scognamillo che anticipa Bahlouli lanciato a rete e sventa una grande minaccia per la porta dei grigi.

SUPPLEMENTARI ANIMATI Alla fine del primo tempo supplementare arrivano le emozioni più ghiotte: Eusepi libera di tacco Casarini ma Kone rimedia. Sul fronte opposto Sueva sfiora il vantaggio con un colpo di testa insidioso. Ci prova ancora l’Alessandria con una gran botta mancina al volo fuori di poco e sfiora il palo. Le emozioni non mancano e poi tocca al Cosenza mangiarsi le mani per una conclusione sballata di Carretta dal dischetto del rigore al termine di una bella azione corale. Anche i supplementari la sfida si chiude sullo 0-0 e, quindi, si va ai rigori. Purtroppo per gli ospiti, però, il portiere Falcone dice di no a Casarini, Arrighini e Di Quinzio e una Alessandria mai doma è alla fine costretta ad arrendersi. Domenica, intanto, torna il campionato. Il Cosenza viaggerà alla volta di Ferrara per affrontare sabato la Spal.

 

IL TABELLINO

COSENZA CALCIO (3-4-1-2): Falcone, Tiritiello, Idda, Bahlouli, Sacko, Sciaudone, Legittimo, Kone, Bittante, La Vardera, Sueva

Panchina: Patitutcci, Saracco, Corsi, Baez, Litteri, CArretta, Ingrosso, Maresca, Florenzi, Ficara, Moreo. All.: Roberto Occhiuzzi

US ALESSANDRIA (3-5-2): Crisanto, Celia, Cosenza, Catsellani, Eusepi, Di Quinzio, Corazza,Blondett, Casarini, Macchioni, Mora

Panchina: Baschiazzorre, Chiarello, Scognamillo, Arrighini, Gazzi, Suljic, Poppa, Rubin. All.: Angelo Gregucci

Arbitro: Singor Ivano Pezzuto di Lecce

Assistenti: Signori Manuel Robilotta di Sala Consilina e Alessandro Cipressa di Lecce. IV UOMO: Signor Gino Garofalo di Torre del Greco

Pasquale Golia

Sempre nel secondo turno di Coppa Italia bene anche le altre calabresi Reggina e Catanzaro. Gli amaranto, quest’anno in serie cadetta, hanno superato per 1-0 il Teramo (Lega Pro). Vittoria di prestigio invece per i giallorossi che hanno espugnato ai rigori (6-7) il “Bentegodi” del Chievo Verona (1-1 d.t.s.), compagine che milita in Serie B, dopo numerosi anni di massima serie.

Prossimo turno (28 ottobre): Reggiana-Cosenza; Bologna-Reggina; Genoa-Catanzaro

Redazione

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *