Redazione Paese24.it

Turnover in Consiglio per “Rocca nel cuore”. «Giovani e progetti per uscire da isolamento»

Turnover in Consiglio per “Rocca nel cuore”. «Giovani e progetti per uscire da isolamento»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il Movimento “Rocca nel cuore” accoglie tra le sue fila il giovane consigliere comunale Giuseppe Oriolo, subentrato al dimissionario Giovanni Franco che già da tempo aveva prospettato un turnover per lasciare spazio a qualche giovane del gruppo. Lo stesso consigliere di “Rocca nel cuore”, Giovanni Gallo, ha presentato questo cambio in corsa come figlio di una visione di insieme all’interno del movimento dove non contano le poltrone ma il progetto che si intende portare avanti al servizio della comunità. Infatti “Rocca nel cuore” probabilmente è uno dei pochi movimenti, se non l’unico sul territorio, che continua a fare squadra attorno ai consiglieri eletti in minoranza, contribuendo con idee e proposte a prescindere da chi siede tra gli scranni del civico consesso. «Con l’avvocato Franco – dice il consigliere Gallo – abbiamo svolto un proficuo lavoro e una incisiva azione di stimolo per l’Amministrazione Comunale. L”ingresso di Giuseppe Oriolo porterà ulteriore dinamismo e entusiasmo, con le sue qualità e la sua voglia di fare che saranno da calamita per altri giovani».

Dal canto il dimissionario avvocato Giovanni Franco ha espresso la sua netta convinzione a guardare avanti, «coinvolgendo con i fatti e non solo con le parole quelle persone che avranno l’onere e l’onore di portare avanti un progetto politico-amministrativo, e cioè i giovani». L’ingresso del giovane Oriolo nel Consiglio Comunale di Rocca Imperiale, che fa della squadra di minoranza – composta anche dallo stesso Gallo, da Clelia Le Rose e dal capogruppo Tiziana Battafarano – una delle più giovani in assoluto nell’Alto Jonio – rappresenta un segnale di apertura reale nei confronti dei giovani: una mano teso da parte della politica a tanti ragazzi che potrebbero dare un contributo importante alla crescita della propria comunità. «L’attivismo dei giovani – conferma Giovanni Gallo – è il motore del nostro gruppo che oltre ad un’azione di presenza e di proposizione (più che di opposizione) punta da sempre anche sui valori della partecipazione e dell’inclusione, soprattutto delle nuove generazioni».

Intanto nei giorni scorsi, proprio Giovanni Gallo ha incontrato l’assessore all’Agricoltura e al Welfare della Regione Calabria, Gianluca Gallo per discutere sul futuro del limone di Rocca Imperiale; mentre il capogruppo di “Rocca nel cuore”, Tiziana Battafarano, ha incontrato l’assessore regionale al Turismo, Fausto Orsomarso. «E’ con questo spirito – spiega il consigliere Giovanni Gallo – che stiamo lavorando per far uscire Rocca Imperiale da un isolamento ormai evidente. Abbiamo tante cose in comune con il territorio, dalle tematiche agricole a quelle ambientali, e tante problematiche da affrontare assieme come ad esempio la gestione dei rifiuti».

«Con le dimissioni del consigliere Franco, dichiara la consigliera Clelia Le Rose, si concretizza, oggi, l’idea che ha unito tutti i candidati nella scorsa tornata elettorale: rigenerare un gruppo avendo la possibilità di essere protagonisti con il sostegno degli adulti. A noi giovani la responsabilità di essere determinanti in un cambio di rotta che non riguarda solo i confini del nostro gruppo politico, ma che deve e può essere trainante per tutta la comunità rocchese richiamandola alla partecipazione attiva nella vita politica e sociale del paese».

Una visione allargata di territorio che discute non solo di comun ma soprattutto di comunità, è stata ancora una volta ben descritta dalla consigliera comunale Tiziana Battafarano. «Le persone passano ma le idee restano – ha sottolineato il capogruppo consiliare di “Rocca nel cuore” -. Le nostre idee sono forti proprio perché condivise, in quanto non appartengono al singolo ma ad ognuno di noi. La conoscenza in questo modo si moltiplica e diventa bene comune. Rocca Imperiale, partendo dai bisogni reali dei cittadini, può essere il traino di uno sviluppo sostenibile territoriale. La nostra è una rigenerazione umana».

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *