Redazione Paese24.it

Opere compensative 3^ Megalotto. Ciminelli: «Fiducioso sul sostegno della Regione Calabria»

Opere compensative 3^ Megalotto. Ciminelli: «Fiducioso sul sostegno della Regione Calabria»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

«Siamo fiduciosi che la Regione Calabria finalmente faccia la sua parte. Rispetto a quanto fatto in passato, la Regione deve affiancare i comuni in questa battaglia tutelando gli interessi del territorio. Le opere di compensazione ambientale devono essere stabilite coinvolgendo gli amministratori dei comuni interessati e quindi ascoltando i reali bisogni».

Così il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli, all’indomani dell’incontro – dove ha partecipato assieme al consigliere comunale Daniele Santagata – convocato ieri (giovedì) pomeriggio presso il Palazzo di Città di Cassano allo Ionio per discutere, assieme agli altri sindaci interessati, delle opere compensative derivanti dai lavori del Terzo Megalotto e quindi spettanti a questo territorio. Quelle stesse opere compensative che sarebbero dovute partire prima dell’inizio della strada, ma che ad oggi non risultano nemmeno definite. Da ciò, per trovare una strategia d’azione condivisa tra tutti i sindaci, Ciminelli nei giorni addietro aveva chiamato a raccolta i colleghi dei comuni attraversati dai cantieri del Terzo Megalotto Ss 106 raccogliendo l’adesione del sindaco di Cassano allo Ionio, Gianni Papasso e dagli altri sindaci di Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria, Villapiana, Trebisacce, Albidona, Roseto Capo Spulico.

Il sindaco di Amendolara, però, al tempo stesso, si dissocia con forza da quanti vorrebbero far credere che nella passata legislatura la Regione Calabria abbia sostenuto le istanze dei sindaci per ciò che concerne le opere compensative. «La Regione, cercando di stare con un piede in due scarpe – dichiara Ciminelli – ha puntato solamente alla medaglia di mediatore della situazione non facendo assolutamente gli interessi dei cittadini e non ascoltando le esigenze dei propri territori. Sono convinto – continua il sindaco di Amendolara – che adesso non sarà più così e che la Regione Calabria siederà al nostro fianco attorno a questo tavolo di concertazione sul futuro del nostro comprensorio». Ciminelli, pertanto, ritiene – d’accordo con gli altri sindaci – di chiedere un incontro in Regione Calabria per definire le modalità con cui meglio interloquire con Anas, Ministero dei Trasporti e Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Redazione

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *