Redazione Paese24.it

Recuperati dai Carabinieri quattro mezzi per la raccolta rifiuti rubati nella notte

Recuperati dai Carabinieri quattro mezzi per la raccolta rifiuti rubati nella notte
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

La scorsa notte, alcuni individui in corso di identificazione hanno asportato dall’interno dell’isola ecologica di Mendicino (Cs), quattro veicoli per la raccolta dei rifiuti. Subito dopo il furto, i Carabinieri della locale Stazione, allertati dal proprietario della ditta che si occupa della gestione rifiuti, hanno immediatamente raggiunto il deposito ove erano parcheggiati i mezzi ed avviato ricerche lungo le vie di fuga che da Mendicino si dirigono verso la costa, attraverso un territorio abbastanza impervio. Da un primo accertamento, è emerso che ad effettuare il colpo sarebbe stato un gruppo composto da almeno cinque persone che con il volto travisato, approfittando del  buio, si sono introdotti all’interno dell’area videosorvegliata.

Il valore del furto è stato stimato in circa 100.000,00 euro. Ancor più grave sarebbe stato il danno causato alla comunità, la quale avrebbe subito dei disservizi nella raccolta dei rifiuti per la mancanza dei mezzi. Le ricerche proseguite per tutta la mattinata, anche con l’ausilio nel Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, si sono concluse alle ore 13:00 di oggi, quando i mezzi sono stati rinvenuti occultati all’interno di un caseggiato di via Marconi, situato in un’area isolata. Molto probabilmente qualcosa non è andata secondo i piani.

I malfattori, braccati dall’immediato intervento delle pattuglie dei Carabinieri, avrebbero deciso di nascondere i veicoli appena fuori il centro abitato di Mendicino per poi passarli a prelevare non appena si fossero calmate le acque. Sono ora in corso le indagini per l’identificazione degli autori del colpo attraverso le immagini della videosorveglianza della zona. Di quanto accaduto è stata avvisata la Procura della Repubblica di Cosenza che ha aperta un fascicolo per il reato di furto aggravato.

Redazione 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments