Redazione Paese24.it

Serie B, il Cosenza perde e retrocede

Serie B, il Cosenza perde e retrocede
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Finisce a Pordenone, dopo tre anni, l’avventura del Cosenza calcio in Serie B. Contro i rammarri, stavolta, il miracolo non è riuscito. Bisognava, infatti, vincere per disputare il playout proprio contro i neroverdi, ma invece la gara è finita 0-2 per il Pordenone. Un epilogo triste, e pensare che solo dieci mesi fa si festeggiava una salvezza impossibile, tanto da far il giro del mondo sportivo. Sulla retrocessione, i rossoblù hanno chiuso quart’ultimi davanti a Reggiana, Pescara ed Entella, hanno influito i 17 pareggi (record in questa stagione in Serie B), le poche vittore (solo 6)  e le ben 15 sconfitte. La nave cosentiva pareva raddrizzarsi appena un mese fa con la vittoria contro l’Ascoli ma da lì, complice gli infortuni a Gerbo e Petrucci, qualcosa si è rotto.

In sei partite la squadra di Occhiuzzi ha collezionato ben cinque sconfitte ed una sola vittoria contro lo spacciato Pescara. Una sorta di iattura;  a quattro giornate dal termine lo stesso Occhiuzzi pareva, oramai, fuori dal progetto a vantaggio di Novellino; improvvisamente, poi, la marcia indietro. Fatale, però. Occhiuzzi, difatti silurato, ci ha messo voglia ma oramai qualcosa si era rotto, quello splendido feeling con lo spogliatoio che aveva condotto alla cavalcata salvezza della scorsa estate non esisteva più. Errori tecnici ma anche errori nel puntellare una squadra che alla vigilia non dispiaceva. Tra  i peccati del ds Trinchera, prossimo sposo della Cremonese, quelli di cedere il gioiellino Jaime  Baez ed il leone di centrocampo Mirko Bruccini. A gennaio sono arrivati giocatori di qualità come Tremolada, Crecco e Gerbo ma poco per rafforzare il reparto più bisognoso di uomini d’area: l’attacco. E’ arrivato Trotta ma Marcello, da qualche stagione, non è più il calciatore del Crotone in serie A. Gliozzi, sette reti stagionali, e Carretta, cinque marcature in stagione, hanno fatto quel che hanno potuto ma non sono attaccanti puri. Il finale di stagione, poi, è stato mediocre per tutti i giocatori, si salvano per cuore, intensità e carattere i soli Daniele Sciaudone, l’ultimo a mollare, ed il portierone Wladimiro Falcone che il prossimo anno rivedremo quasi sicuramente in Serie A.  Nella massima serie ci sarà anche Gennaro Tutino con la Salernitana, l’attaccante che aveva incantato Cosenza nella prima stagione in B ma anche l’attaccante che ha portato i lupi tra i cadetti.

Insomma, il Cosenza va ai titoli di coda in B con tanti rimpianti per quanto doveva essere e non è stato, con molti calciatori, nei due anni precedenti però, che proprio da Cosenza sono ripartiti verso palcoscenici più importanti: non solo Tutino ma anche Casasola, Baez, Riviere, Asencio, Palmiero, Dermaku. Gente che se messa insieme avrebbe dato alla città un campionato diverso. Ora sul futuro c’è incertezza, il Cosenza non ha giocatori di proprietà e non è poi così scontato che il presidente Eugenio Guarascio, contestato dal tifo, voglia continuare anche in serie C. Per la cronaca, l’ultima partita del campionato di Serie BKT è finita 2 a 0 per il Pordenone. Succede tutto ad una decina di minuti dalla fine della gara. Al 78’ Ciurria strappa la palla a Ingrosso e serve Butic, che non sbaglia. All’85’ Tiritiello si fa espellere per una gomitata su Bassoli. In pieno recupero Crecco si fa un autogol rocambolesco che chiude i conti. Pordenone salvo, Cosenza all’inferno.

Il tabellino 

Pordenone – Cosenza 2-0

Reti: 78′ Butic; 94′ Crecco (A)

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan, Vogliacco, Camporese, Bassoli, Falasco, Magnino (88′ Scavone), Calò  (59′ Pasa), Misuraca  (88′ Barison ), Zammarini, Ciurria, Musiolik  (75′ Butic ).A disposizione:, Berra, Bindi, Biondi, Butic, Chrzanowski, Finotto, Mallamo, Rossetti, Stefani. Allenatore: Domizzi

COSENZA (3-4-1-2): Falcone, Tiritiello, Carretta, Sciaudone, Legittimo (83′ Mbakogu), Tremolada  (73′ Sacko ), Gliozzi, Kone (83′ Corsi), Crecco, Ingrosso, Sueva  (54′ Trotta ). A disposizione: Antzoulas, Bouah,, Idda, Matosevic, Saracco, Schiavi, Vera. Allenatore: Occhiuzzi

AMMONIZIONI: Musiolik (P); Titiriello (C); Bassoli (P); Zammarini (P)

ESPULSIONI: 86′ Tiritiello (C)

Pasquale Golia

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Eugenio
Eugenio
5 mesi fa

Profonda tristezza.