Redazione Paese24.it

Medico aggredito da due pazienti al Pronto Soccorso di Castrovillari

Medico aggredito da due pazienti al Pronto Soccorso di Castrovillari
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Un medico sarebbe stato aggredito da due pazienti al Pronto Soccorso di Castrovillari. A denunciare l’accaduto e, al contempo, esprimere solidarietà, è il Comitato per la Difesa e la Promozione della Sanità Pubblica del Pollino, che parla di «un ulteriore tassello che si aggiunge alla grave situazione di emergenza del nostro sistema sanitario».

«L’ ospedale Spoke di Castrovillari – afferma il Comitato – è riferimento per una vasta area del Pollino e ha il Pronto Soccorso che è afflitto da un pesante sottodimensionamento del personale sanitario. Un solo medico al turno di notte è impensabile, inconcepibile. Così come sono inconcepibili le condizioni strutturali dello stesso Pronto Soccorso, che si caratterizza per le poche stanze sovraffollate di persone in temporaneo ricovero, i pochi bagni in condizioni igieniche piuttosto inquietanti, le porte rotte e i muri scrostati. Tutto ciò – aggiungono i membri del Comitato – contribuisce a esacerbare gli animi di chi è in attesa e a rendere particolarmente stressanti le condizioni di chi vi lavora e non è, evidentemente, neanche garantito nella propria sicurezza. Nulla può giustificare un’aggressione violenta, neanche le condizioni in cui sono costrette le persone in attesa di soccorso. I professionisti sanitari dell’ospedale di Castrovillari – conclude il Comitato – si sentono abbandonati dalle istituzioni, a qualsiasi livello istituzionale, e avvertono la sensazione di urlare ai sordi la loro richiesta di aiuto per svolgere bene il loro lavoro».

Federica Grisolia

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments