Redazione Paese24.it

Calcio, Serie A. La partita di Paese24: Genoa-Sassuolo 2-2

Calcio, Serie A. La partita di Paese24: Genoa-Sassuolo 2-2
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Domenico Berardi, il calciatore calabrese di Longobucco, non ha segnato ma ha dato ugualmente spettacolo, come una spina nel fianco nella difesa avversaria, nel match di Serie A che abbiamo seguito questa settimana. Come si ricorderà, da Empoli, abbiamo iniziato il nostro viaggio nel campionato di massima serie del calcio per ritrovare calciatori calabresi o che hanno militato nelle squadre della nostra regione.

Nell’ottavo turno di Serie A Tim la nostra tappa è stato lo stadio Luigi Ferraris di Genova, dove è andato in scena il match spettacolo (2 a 2 il risultato finale) tra il Genoa ed il Sassuolo, squadra in cui Berardi in questi ultimi anni è cresciuto e maturato sino a diventare Campione d’Europa con l’Italia di Mancini. Da sottolineare lo spettacolo del tifo genoano: la gradinata nord, avamposto del tifo rossoblù, ha offerto coreografie prima e durante l’incontro da pelle d’oca in uno stadio tra i più suggestivi d’Italia. Anche a Genova, insomma, il calcio è tornato, dopo la pandemia, dei tifosi e della gente. Tornando alla partita, la cronaca è subito fatta: Il Genoa con cuore e carattere è riuscito a pareggiare al 90’ una partita che sembrava oramai persa, con due reti sotto nei primi minuti del match.  Decisivo un gol di Vasquez al 90′, dopo la doppietta iniziale di Scamacca e la rete di un sempre più incisivo Destro. A fine gara delusione per il tecnico dei neroverdi Dionisi che già pregustava tre punti utili a rilanciare il progetto Sassuolo. Con questo punto, invece, il Genoa di Ballardini si tira momentaneamente fuori dalla zona retrocessione.

PRONTI VIA SHOW DI SCAMACCA. Il Sassuolo inizia la gara con più intensità ed il vantaggio appare subito nell’area: al 10’  Scamacca scarica in rete la palla del possibile 1 a 0  ma lo fa partendo in presunta posizione irregolare, punita dal Var dopo una lunga revisione. L’attaccante del Sassuolo non perdona, però, e nel giro di  4 minuti ( 17’ e 21’) punisce due volte la disattenta difesa genoana lasciando  i suoi ex tifosi senza parole. L’ex attaccante, però, non ha esultato in nessun dei due goal.  Prima della mezz’ora ci pensa il solito Destro a rimettere in partita il Grifone, sfiorando poi il secondo gol personale che gli viene negato da una posizione di fuorigioco. Nel finale di primo tempo i neroverdi vanno ad un passo dal tris con Djuricic, la cui conclusione viene deviata da Sirigu direttamente sul palo.

RIPRESA A RITMI ALTI. IL GENOA SI SALVA AL 90’ Passano pochi secondi dal fischio di ripartenza del sig. Chiffi  e il Sassuolo avrebbe l’occasione di calare il tris, ma Scamacca sciupa il tap-ìn da pochi passi. Il Genoa, spinto dai tifosi, riprende coraggio e al 60’  fallisce la chance del pareggio, con Ekuban che calcia alto da posizione davvero invitante. Il Sassuolo è più guardingo ma non rinuncia ad attaccare, specie con Berardi che in più di un’occasione si incunea sulla sinistra senza però trovare molta fortuna. L’ingresso di Kallon scuote i rossoblù che, spinti dal proprio pubblico, non smettono di crederci. Sono però ancora i neroverdi a sfiorare la rete con Kiriakopoulos che batte Sirigu, ma in posizione irregolare. Sembra fatta per gli ospiti, ma proprio nel finale da un calcio d’angolo di Rovella l’uomo che non ti aspetti, il difensore messicano Johan Vasquez, nel giorno del suo esordio in Serie A, supera di testa Consigli trovando il definitivo 2-2. Un pareggio al cardiopalma che accontenta il pubblico presente.

BALLARDINI: “ORGOGLIOSO DEI MIEI RAGAZZI” “Sono molto orgoglioso dei miei ragazzi, ci tengono e siamo felici della reazione contro una squadra di grande spessore- così ha detto a fine partita il tecnico del Genoa, aggiungendo –  Nella prima mezz’ora non riuscivamo a mantenere le distanze, gli avversari giocavano troppo liberi e noi rincorrevamo. Ci siamo messi a posto e la partita è cambiata”. L’allenatore del Genoa Davide Ballardini commenta così il pareggio per 2-2 in rimonta contro il Sassuolo.

IL TABELLINO

GENOA-SASSUOLO 2-2 (1-2)

Genoa (3-5-2): Sirigu, Biraschi (5′ st Cambiaso), Vasquez, Criscito, Sabelli (32′ pt Ekuban), Touré (31′ st Behrami), Badelj (1′ st Kallon), Rovella, Fares, Pandev (31′ st Caicedo), Destro. (1 Semper, 22 Marchetti, 5 Masiello, 10 Melegoni, 18 Ghiglione, 27 Sturaro, 90 Portanova). All.: Ballardini.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli, Toljan, Chiriches, Ferrari, Rogerio, Frattesi, Lopez 846′ st Goldaniga), Berardi 846′ st Magnanelli), Raspadori (16′ st Harroui), Djuricic (29′ st Kyriakopoulos), Scamacca (28′ st Defrel). (24 Satalino, 56 Pegolo, 13 Peluso, 17 Muldur, 97 Henrique). All.: Dionisi.

Arbitro: Chiffi di Padova.

Reti: Scamacca al 17′ e 21′, Destro al 27′ e Vasquez all’89.

Angoli: 6 a 1 per il Genoa.

Ammoniti: Frattesi, Biraschi, Chiriches, Harroui, Toljan, Destro e Sturaro (in panchina).

Recupero: 4′ e 5′.

da Genova, Pasquale Golia

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments