Redazione Paese24.it

Niente impianto videosorveglianza sul Dolcedorme. Dietrofront dell’Ente Parco Pollino

Niente impianto videosorveglianza sul Dolcedorme. Dietrofront dell’Ente Parco Pollino
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Passo indietro dell’Ente Parco Pollino per l”installazione sulla cima del monte Dolcedorme di un impianto di videosorveglianza per contrastare gli incendi dolosi e atti di vandalismo. Infatti, dopo le legittime proteste di ambientalisti e amanti della montagna, l’Ente Parco nei giorni scorsi ha bloccato i lavori – così come abbiamo raccontato su Paese24 [LEGGI] – convocando un tavolo tecnico allargato per ragionare sulla questione. Ebbene, oggi, presso la sede del Parco a Rotonda (Pz), si è tenuto l’incontro al quale hanno preso parte oltre ai funzionari dell’Ente e della ditta interessata ai lavori, anche i referenti del Club Alpino, dell’Associazione Guide Ufficiali del Parco, del Gruppo Speleo di Morano Calabro e del Soccorso Alpino di Calabria.

Si è convenuto – da come informa lo stesso Ente Parco Nazionale del Pollino – che, per salvaguardare il paesaggio, l’impianto di videosorveglianza con tanto di pannello fotovoltaico vengano subito dismessi con relativa sospensione dei lavori. L’impianto sarà posizionato in località Serre nel comune di Morano Calabro in cui sono già allocate altre apparecchiature tecnologiche e dove il locale gruppo Speleo ha dato la disponibilità – da quanto riferiscono dall’Ente Parco – ad utilizzare i propri locali per alloggiare eventuale altra strumentazione.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments