Redazione Paese24.it

Missione Tricolore: chi la spunterà tra Milan, Napoli e Inter?

Missione Tricolore: chi la spunterà tra Milan, Napoli e Inter?
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Il campionato di Serie A 2021-22 continua sui binari dell’incertezza e dell’imprevedibilità. Finora è indubbiamente uno dei tornei più avvincenti degli ultimi anni. Il più divertente e competitivo d’Europa. Parola d’ordine: equilibrio totale. Milan, Inter e Napoli se la giocheranno fino all’ultima giornata. Restano margini di incertezza anche per i bookmaker che intanto iniziano a definire con maggiore precisione le chance scudetto delle tre pretendenti attraverso una pagina dedicata alle quote scudetto 2022 elaborate dai migliori portali di betting e dagli esperti del settore, dando anche informazioni relative a tutte le prossime tappe che avvicinano le contendenti alla fine del torneo. Una panoramica che sul piano probabilistico delinea le vere chance scudetto per i partenopei e per le due milanesi. Intanto, sul piano statistico, tattico e mentale, ecco una panoramica sintetica delle tre in vetta.

Milan. Il primato a fasi alterne dei rossoneri non è garanzia di scudetto. Nelle sei partite precedenti a quella disputata all’Olimpico di Torino, la squadra di Pioli ha realizzato solo quattro reti: sintomo evidentissimo della crisi di gioco che si riflette nella frenata in classifica. I numeri degli attaccanti sono preoccupanti. É questa la fotografia del Milan delle ultime settimane, obbligato al cambio di rotta per reggere il passo delle altre, nonostante la flessione a fasi alterne anche di Inter e Napoli. L’ultima partita del Milan con più marcature è quella con la Salernitana all’Arechi, nel 2-2 del 19 febbraio, mentre quella con tre gol risale a tre mesi fa contro il Venezia, quando i rossoneri si imposero per 3-0 sui lagunari. La media gol post Torino è dello 0,64 a partita mentre Inter e Napoli girano rispettivamente con 10 e 11 gol nelle ultime sei. Attualmente i best player del Milan sono Leao e Giroud con 11 reti, Ibrahimovic 8 e Messias 5. Ai microfoni Pioli è eloquente: “Manca il guizzo ma siamo vivi”. L’allenatore è obbligato ad attivare di nuovo il potenziale d’attacco per puntare alla volata scudetto.

Inter. I numeri dei rossoneri mettono a rischio il primo posto in classifica del Milan: l’Inter, a solo due lunghezze e una partita in meno, potrebbe ottenere il primato con un punto di vantaggio vincendo la gara di recupero contro il Bologna. Fra tutte, quella di Inzaghi sembra la squadra più equilibrata e allo stesso tempo con il potenziale migliore in tutti i reparti. Nonostante ciò, occupa il 9° posto nella speciale classifica del girone di ritorno: solo 20 punti conquistati, frutto di 5 pareggi, 5 vittorie e 2 sconfitte per un totale di 16 gol fatti e 9 subiti. Ma l’Inter può vantare numeri da record nella stagione 2021-22: numeri importanti che la eleggono regina del campionato. Migliora attacco (65 reti), miglior difesa (24), tiri totali (524), tiri in porta (198), cross utili (243), corner (197) e gol di testa (15). L’Inter resta la squadra da battere. E intanto Inzaghi ammette: “La vittoria contro la Juve ci ha sbloccato”.

Napoli. Nel momento in cui sembrava aver raggiunto la mentalità giusta per lo scudetto, la squadra di Spalletti è inciampata per l’ennesima volta nella classica e inattesa debacle casalinga. Troppi i punti persi al Maradona. La Fiorentina colpisce ancora. Il tecnico del Napoli commenta con amarezza la il 3-2 interno: “Questa sconfitta è un pò una sentenza”. Difficile per gli azzurri recuperare un gap di tre o quattro lunghezze in pochissime partite. Occorre tornare ad allenarsi in maniera corretta e ripartire immediatamente. Il tecnico difende i suoi e parla di episodi: in sintesi, il Napoli paga lo scotto di piccole disattenzioni che sembra possano davvero dilapidare tutto ciò che di buono era stato messo in campo fino alla gara con i viola. 

Nonostante tutto, ormai a pochissime giornate dal termine, la lotta per lo scudetto resta apertissima. Discorso analogo per un’altra classifica di vertice, quella marcatori, con un avvincente testa a testa Immobile – Vlahovic: l’attaccante biancoazzurro, dopo il digiuno in Lazio-Sassuolo 2-1, è tornato a segnare a valanga con una tripletta ai danni del Genoa. Immobile guida la classifica con 24 reti, segue l’attaccante bianconero a 22. (guest post)

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments