Redazione Paese24.it

La Partita di Paese24. A Lecce invasione di Inter Club calabresi e lucani

La Partita di Paese24. A Lecce invasione di Inter Club calabresi e lucani
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

da Lecce, Pasquale Golia – Riparte il campionato di Serie A e riparte anche il nostro viaggio nel campionato di calcio italiano. Per la prima giornata abbiamo fatto tappa a Lecce, la nostra partita, infatti, è stata Lecce-Inter, in uno stadio sold-out, con buona parte  dei tifosi interisti provenienti dagli Inter club calabresi e lucani, tra quelli della nostra regione segnaliamo Rogliano e Montalto Uffugo ma anche quello della vicina Policoro. Passando al dato tecnico, il Lecce non ha  sfigurato al cospetto dei vicecampioni d’Italia; l’Inter vince sì ma con tanti punti interrogativi. Questo, in sintesi, il messaggio che è venuto fuori dalla gara, valevole per la prima giornata del campionato di Serie A Tim, vi Via del Mare in Salento. Un gol di Dumfries al 95′ regala all’Inter tre punti alla prima contro il Lecce, per l’appunto ma con tanta sofferenza. I nerazzurri vincono 2-1 ma devono faticare enormemente, nonostante il vantaggio immediato con Lukaku al 2′. I nerazzurri, infatti, subito dopo la rete rinunciano ad azzannare la preda e concedono campo e fiducia ai pugliesi sia pur rimaneggiati. C’è da dire, anche, che il portiere del Lecce Vladimiro Falcone era in vena di miracoli. L’ex estremo difensore del Cosenza si è confermato come uno dei possibili grandi portieri del futuro. Il Lecce, che pareggia in avvio di ripresa con Cessay. L’Inter a quel punto si butta nell’assedio, con Dzeko insieme alla LuLa. Ma Falcone diventa protagonista assoluto, come detto: i nerazzurri sbattono sul portiere del Lecce, c’è anche un gol annullato a Lukaku per fallo in attacco. Nel finale c’è anche spazio per le quattro punte, con l’ingresso di Correa per Skriniar: a decidere è un colpo di petto di Dumfries all’ultimo secondo su angolo dalla destra.

PRIMO TEMPO: LUKAKU SUBITO IN GOAL – Il match si apre nel peggiore dei modi per il Lecce: al 2’ lungo cross da sinistra di Dimarco sul secondo palo dove Darmian fa da sponda per Lukaku che, comodamente, ribadisce in rete. Da qui, l’Inter si illude e cerca di amministrare senza più incidere.  Al 39’ il Lecce ha la sua unica opportunità della prima frazione, ma Strefezza sbaglia l’esecuzione con l’interno del destro e l’estremo dell’Inter para senza problemi. Al secondo dei quattro minuti di recupero Bistrovic, che buone doti balistiche, si incarica di battere una calcio da circa 25 metri, in posizione defilata ma la barriera riesce a deviare e la sfera finisce sul fondo. SECONDO TEMPO: CEESAY ILLUDE IL LECCE – Il Lecce trova il gol del pari dopo tre minuti dalla ripresa del gioco: Di Francesco coglie il taglio di Ceesay sul filo del fuorigioco, lo serve sullo stretto e l’attaccante centrale col sinistro sorprende Handanovic sul secondo palo. Inzaghi a questo punto getta nella mischia Bastoni per Gosens e Mkhitaryan per Brozovic. Blin e Baschirotto giocano una gran partita, di mestiere e di forza, per arginare Lukaku e Lautaro Martinez, mentre Hjulmand si muove con autorevolezza tra la fase difensiva e quella di costruzione: il capitano del Lecce si guadagna un calcio di punizione dal limite dell’area, Handanovic respinge in tuffo una precisa e tesa parabola disegnata da Bistrovic. Un minuto dopo è Falcone a farsi trovare fa trovare pronto su tentativo al volo di Dimarco. In campo per l’Inter anche Dumfries per Darmian e Dzeko per Chalanoglu, al minuto 67, l’Inter aumenta il peso offensivo e la spinta sulla corsia destra: è proprio Dumfries al 69’ a colpire il palo dopo uno stacco imperioso di testa su cross del solito Dimarco. L’Inter attacca a testa bassa. All’80’ Falcone si oppone al tiro di Lautaro Martinez, lasciato colpevolmente solo e tre minuti dopo il portiere del Lecce si supera uscendo a valanga sulla ribattuta di Lukaku indirizzata colpo sicuro nello specchio. L’ex Cosenza si supera anche su colpo di testa di De Vrij, prima che il tap-in di Lukaku venga neutralizzato da un intervento arbitrale. Nei quattro minuti di recupero concessi da Prontera l’Inter, con anche Correa subentrato a Skriniar, attacca alla disperata in area salentina. Nell’ultima azione del match, su calcio d’angolo, la svolta: Martinez prolunga di testa un calcio dalla bandierina verso il secondo palo dove Dumfries non si fa pregare due volte riuscendo a indirizzare la sfera, in qualche modo, oltre la linea di porta. Falcone resta a terra incredulo!! L’inter festeggia, il Lecce recrimina…..

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Eugenio
Eugenio
1 mese fa

Ve li immaginate i Milanesi che fondano un Cosenza Club e si recano in massa a Como per tifare i Lupi???