Redazione Paese24.it

Mondiali, girone F. I vice campioni della Croazia imbrigliati dal Marocco. Finisce 0-0

Mondiali, girone F. I vice campioni della Croazia imbrigliati dal Marocco. Finisce 0-0
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email
da Doha, Pasquale Golia – Un punto per uno che però probabilmente soddisfa di più i vicecampioni del Mondo della Croazia. Dopo lo 0-0 di ieri tra Danimarca e Tunisia e Polonia-Messico, ecco la terza sfida senza reti: fa meglio ottimo Marocco, che avrebbe meritato di più, alla sesta partecipazione ad un Mondiale (ma col neo di non superare la fase fase a gironi dal 1986) mentre per la Croazia è un piccolo passettino in attesa di una crescita obbligata nel girone F in cui dovrà vedersela con Belgio e Canada. L’avvio di gara è tutto di marca marocchina. Hakimi-Ziyech il temibile binario destro che confeziona una buona palla per En-Nesyri, anticipato però all’ultimo. Hakimi viaggia a ritmi altissimi e il cui tiro-cross deviato è preda di Livakovic blocca a terra. Ci prova un altro ex interista, ma sul fronte croato, Perisic (13’): il suo mancino termina però alto. Dopo aver rifiatato qualche minuto il Marocco rialza i giri del motore. Cross di Ziyech col contagiri (17’) e En-Nesyri non impatta, di testa, la sfera davvero per un non nulla. Probabilmente la migliore occasione da gol marocchina, pareggiata da quella ancora più clamorosa sul finire di prima frazione (45’): sul granata Vlasic, Bono è superlativo, mentre un minuto dopo sul bolide di Modric non può far altro che sperare, col pallone che termina alto di pochissimo.
All’intervallo Vlasic è costretto ad alzare bandiera bianca, ko per il problema al polpaccio che lo aveva frenato in chiusura di tempo, in campo Pasalic dell’Atalanta pronto a muoversi tra le linee. Ma è il Marocco, in avvio di ripresa, ad andare ad un soffio dal vantaggio. Sul colpo di testa di Mazraoui, Livakovic si oppone alla grande salvando i suoi. Reagisce subito la Croazia e al 6’ ha due ottime chance. Da un calcio d’ angolo battuto da Modric Perisic stacca più alto di tutti, Bono respinge e sul tiro susseguente di Lovren è Amrabat a fare muro viene respinto da Amrabat. Nel Marocco out Mazraoui, che rimedia un brutto colpo alla testa e dentro Attiat-Allah, ma resta sempre Hakimi (15’) il più pericoloso sulla sua accelerata con tanto di cross radente non arriva però nessuno all’appuntamento. La freccia del Paris Saint-Germain resta il pericolo numero uno per la Croazia. Scorre il 18’ quando una punizione da oltre venticinque metri trova prima il tocco di Zyiech e poi Livakovic che respinge coi pugni. Ritmo alto grazie ad un Marocco in grande spolvero. Ezzalzouli (28’) si fa cinquanta metri palla al piede ma poi pretende troppo da stesso e perde l’attimo per calciare. Di fatto l’ultimo sussulto che si chiude con la solita girandola di cambi e con sei minuti di recupero dentro i quali non accade però nulla di rilevante.
MAROCCO-CROAZIA 0-0
Marocco: Bounou; Hakimi, Aguerd, Sassi, Mazraoui (60′ Attial-Allal); Amrabat , Ounahi (Sabiri), Amallah; Ziyech, Boufal (65′ Ez Abde); En Nesyri (81′ Hamdallah). All. Regragui
Croazia: Livakovic; Juranovic, Sutalo, Lovren, Sosa; Kovacic (80′ Majer), Brozovic, Modric; Perisic (90′ Orsic), Kramaric (71′ Livaja), Vlasic (46′ Pasalic 6). All. Dalic
Ammonito: Amrabat
Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments