Redazione Paese24.it

Francavilla, ricostruito il “Cavallo di Troia” nella città di Epeo

Francavilla, ricostruito il “Cavallo di Troia” nella città di Epeo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Riallacciare il filo con la storia per rilanciare il territorio, questa la “mission” che l’Associazione Itineraria Bruttii, in collaborazione con il Comune di Francavilla Marittima vogliono perseguire, puntando alla valorizzazione della storia, dei miti e delle leggende della antica Lagaria. Secondo la leggenda, appunto, Epeo, amico di Ulisse e costruttore del cavallo di Troia, di ritorno dalla guerra si fermò nel territorio di quella che poi divenne la Magna Grecia fondando la città di Lagaria, insieme a popolazioni italiche – enotrie,  e dedicando gli strumenti serviti per la costruzione dell’opera in un tempio consacrato alla dea Atena. Tante sono le località che negli anni si sono associate alla mitica città del vino, ma i ritrovamenti archeologici rinvenuti a Francavilla, in località Timpone Motta – Macchiabate, la rendono ancora oggi l’ipotesi più accreditata. Ed é proprio da qui che si vuole ripartire, dalla leggenda di Epeo, e dal mito del Cavallo di Troia, che verrà ricostruito e riportato al suo antico splendore. Sabato 2 aprile 2016 alle ore 10,30 si svolgerà presso il Parco archeologico di Timpone Motta – Macchiabate di Francavilla Marittima una conferenza stampa di presentazione del  progetto di ricostruzione del cavallo di Epeo di Lagaria e della mostra “Eroi, miti e tradizioni di Lagaria” in cui sarà presente una ricostruzione in scala ridotta del cavallo di Epeo (mt  2×2), che sarà l’apripista per una riproposizione del cavallo di Troia dalle dimensioni mastodontiche, che sarà inaugurato il 24 aprile 2016. 

L’evento, realizzato da Itineraria Bruttii, con la partecipazione del Comune di Francavilla, in sinergia con il Parco Nazionale del Pollino, il Distretto Culturale della Magna Grecia, la Fondazione Brettion e il Polo tecnico turistico “Tra Sybaris e Laos”, presenterà un progetto di valorizzazione storica e culturale che prevede la ricostruzione dell’opera “il cavallo di Epeo” a grandezza colossale e la rappresentazione della mostra in onore della città di Lagaria, mentre una  rievocazione storica delle Panatenee in onore della dea Atena e di Epeo é in programma per il mese di Agosto. Tra gli obiettivi di questa serie di importanti iniziative, la proposta a tutti i comuni calabro-lucani che sono indicati come possibile sede di Lagaria, di una convenzione al fine di collaborare alla promozione dell’evento, ospitando la mostra ed il cavallo di Epeo in un’ottica di cooperazione ed integrazione, in linea con quanto Epeo ha rappresentato e rappresenta tuttora per le popolazioni della Magna Grecia.

Giovanni Pirillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *