Redazione Paese24.it

Trebisacce, coro di emozioni al “Concerto dell’Epifania”. Quando la musica è un “servizio di gioia”

Trebisacce, coro di emozioni al “Concerto dell’Epifania”. Quando la musica è un “servizio di gioia”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Coro 9Incoraggiato dal parroco don Vincenzo Calvosa che ha dato nuovo impulso a tutte le attività parrocchiali a cominciare dai giovani, il Coro Polifonico della Parrocchia “Cuore Immacolato della B.V.M.” diretto dal Maestro Loredana Bastanza e di cui fa parte lo stesso parroco don Vincenzo, ha dato vita al “Concerto dell’Epifania”, nel corso del quale ha eseguito una serie di canti sacri, per lo più collegati alla Natività del Signore. Si tratta di canti in gran parte composti da S.E. Marco Frisina autore di quasi tutti i canti liturgici contemporanei, con i quali lo stesso Coro Polifonico, composto da 32 elementi, uomini e donne, giovani e meno giovani, accompagna e anima, come parte integrante della liturgia, le funzioni religiose parrocchiali.

Non era comunque la ricerca degli applausi lo spirito con cui il Coro ha inteso dare vita al Concerto. «Nessuna velleità di mettersi in mostra e di sollecitare applausi – ha tenuto a precisare la direttrice del Coro nella sua breve introduzione – ma un’occasione per trasmettere emozioni positive e per condividere con l’assemblea dei fedeli un ulteriore momento di incontro e di preghiera. Il nostro – ha aggiunto Loredana Bastanza ribadendo quanto sostiene lo stesso don Frisina – è un servizio di gioia in un mondo triste e preoccupato nel quale le tenebre sembra minaccino la luce al punto che la paura rischia di scoraggiare il nostro cuore. Ma noi possiamo cantare la fede e possiamo aprire il cuore dei fratelli alla speranza ed alla gioia della vita e dell’amore». «Quando canto in Chiesa – ha dichiarato una delle coriste che vuole rimanere anonima – la mia anima vibra e il mio cuore esulta per la gioia delle parole che si cantano al Signore. Ecco perché è più che mai vero, come diceva Sant’Agostino, che chi canta in Chiesa, prega due volte». Al Concerto ha assistito una folta platea di fedeli che ha gremito la Chiesa e ascoltato in religioso silenzio tutti i canti sottolineandone l’apprezzamento con scroscianti applausi.

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *