Redazione Paese24.it

Centenario Madonna della Salute. Un percorso mariano lungo un anno

Centenario Madonna della Salute. Un percorso mariano lungo un anno
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Piazza Madonna della Salute come Piazza San Pietro. Certo, non come grandezza e maestosità, ma come luogo in cui riecheggia lo stesso messaggio di speranza: “Non avere paura”. È con questa immagine che il parroco, don Nicola Arcuri, ieri (domenica 9 agosto), durante la Santa Messa per il Centenario della Madonna della Salute, protettrice di Amendolara Marina, ha accolto i fedeli presenti. Ascoltando il passo tratto dal Vangelo secondo Matteo, il pensiero è andato, infatti, a quella serata in cui Papa Francesco, lo scorso 27 marzo, ha presieduto uno storico momento di preghiera sul sagrato della Basilica di San Pietro con la piazza vuota e sotto la pioggia battente, ma seguito da tutto il mondo minacciato dalla pandemia da Coronavirus. Lo stesso invito a non temere, anche quando si è sulla riva del dolore, della croce; quando si vive l’esperienza del forte vento, del mare agitato, dell’incertezza, della paura che tenta a tutti i costi di prendere il sopravvento. Perché, nonostante il trambusto, il vento cessa e le acque si calmano.

Prima della messa, tenutasi all’aperto alle ore 19.30, l’abbraccio dei devoti alla Madonna della Salute che, dalla chiesa, è stata portata in piazza, quasi a voler suggellare lo sguardo della Vergine sulla comunità. Poi, la cerimonia solenne che non ha, però, significato la fine dei festeggiamenti. Il parroco ha, infatti, sottolineato che il Centenario è un cammino lungo un anno, in cui si darà importanza alle celebrazioni mariane, a partire da sabato 15 agosto, giorno dell’Assunzione di Maria, in cui – ha annunciato lo stesso don Nicola – sarà celebrata una Santa Messa alle ore 21, proprio per consentire una maggiore partecipazione.

A margine della messa, il saluto del sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli, il quale, in primis, «ha ringraziato la parrocchia per aver saputo organizzare un cartellone importante di iniziative religiose e civili nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19». «Questo autunno – ha aggiunto, infine, il primo cittadino – avremmo dovuto accompagnare la statua della Vergine in Argentina tra i nostri emigrati. È un appuntamento solo rimandato. Ci auguriamo di farlo nella prossima primavera, sperando che questo possa significare la fine della pandemia».

Federica Grisolia

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *