Redazione Paese24.it

Situazione difficile, Cassano è zona rossa. Niente messe e scuole chiuse

Situazione difficile, Cassano è zona rossa. Niente messe e scuole chiuse
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Era nell’aria ed è arrivata l’ufficialità. Il comune di Cassano all’Ionio è stato dichiarato zona rossa fino al 15 febbraio. A firmare l’ordinanza con cui sono state decretate misure più restrittive, il sindaco, Gianni Papasso, in sinergia con l’Asp, la Regione Calabria e le autorità locali.

“Un provvedimento che – come ha sottolineato lo stesso primo cittadino – riporta alla memoria il primo, più rigido, lockdown adottato, a livello nazionale, lo scorso mese di marzo”. “Una decisione sofferta – ha dichiarato Papasso – ma necessaria a causa del preoccupante aumento dei contagi, circa duecento”. A ciò si aggiunge l’ottavo decesso registrato oggi in città e la positività al tampone rapido di 23 anziani ospiti di “Casa Serena”. Papasso, nell’assumersi la responsabilità di questa scelta, si appella ai cittadini chiedendo “il massimo rispetto delle regole e la massima serietà; di rimanere a casa e uscire solo in caso di necessità, salute e lavoro”.

Vietati, dunque, tra le altre cose, gli spostamenti in entrata e in uscita, se non per i comprovati motivi; chiuse le scuole di ogni ordine e grado; vietato l’accesso al cimitero; stop anche alle messe; aperte farmacie e parafarmacie. Supermercati e tutte le attività di generali alimentari potranno stare aperti dalle 8 alle 16, dal lunedì al venerdì, e dalle 8 alle 18 il sabato. Tutte le altre attività commerciali non sospese dall’ultimo DPCM dovranno rispettare, invece, l’orario di apertura fino alle 13. Vietata, inoltre, la pratica di ogni attivià motoria e sportiva all’aperto, anche in forma individuale, e l’accesso a parchi, ville, aree gioco e giardini pubblici.

Federica Grisolia

 

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
carmine
carmine
7 mesi fa

Una ordinanza davvero assurda, totalmente immotivata e palesemente illegale.
Viene giustificata col potere derivante dal comma 5 dell’articolo 50 del dlgs 267/2000 che dice testualmente “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere ESCLUSIVAMENTE LOCALE le ordinanze contingibili ed urgenti sono adottate dal sindaco e dalle autorità locali”…..
Adesso il covid è stato ridotto dal sindaco di Cassano da pandemia ad epidemia locale……
Per non parlare delle motivazioni: “Nel nostro territorio dall’inizio ci sono stati 8 morti….” spiace per loro, ma 8 morti in un anno in un territorio di 12.000 abitanti non credo giustifichino una emergenza…. Probabilmente le vittime della strada sono di più e probabilmente più giovani…… Torniamo a viaggiare a dorso di mulo? Sulla SS106 radd al km 27 c’è un’area di servizio sulla corsia ovest……doppia striscia continua e per giunta incrocio canalizzato per la frazione Salicette dal lato opposto, ma ingressi ed uscite continui dalla corsia est con inversione di marcia e nessun tipo di controllo o sanzione….
Ma tornando alle motivazioni, 23 positivi su 12000 abitanti significano meno di 1 persona su 500 abitanti e, tanto per fare un evidente paragone, la vicina basilicata, con circa 7000 positivi su circa 550mila abitanti ha una incidenza di 1 persona ogni 80 abitanti, ovvero 6 volte tanti ed è una media regionale, quindi ci sono di sicuro località con picchi maggiori, e la regione è classificata zona gialla……
La P.A. di Bolzano, con 1 positivo ogni 39 abitanti, ha allentato le misure in zona rossa tra l’altro aprendo tutte le scuole fin dal 7 gennaio. In Lombardia hanno fatto il diavolo a 4 per tornare arancioni….
Inoltre il comune è fatto di tante frazioni piccole, le 23 persone positive (il che non vuol dire malate, ma solo positive, e per giunta a un tampone rapido, che, come dimostrato da medici dell’ospedale di Fermo segnalano positività anche analizzando frutta e bevande sigillate!!!! Sono medici, non complottisti) sono in una RSA, quindi in una area molto ma molto limitata……
E la cosa che fa riflettere è che fanno parte di un gruppo di 30 che erano state vaccinate di recente, la prima dose dovrebbe proteggere al 70%, perchè invece avrebbe protetto solo il 30% delle persone vaccinate? Forse la pfizer ci sta vendendo acqua fresca?

Per giunta fare una ordinanza che limita gli orari di apertura dei negozi crea ovvii assembramenti in quanto minori orari equivale a più persone e chiudere la domenica i negozi alimentari costringe al digiuno chi non aveva fatto la spesa, in particolare i proprietari di seconde case nelle località turistiche che potrebbero aver approfittato di questo primo fine settimana arrivando stasera per venire a controllare lo stato delle proprie case, come consentito dal dpcm del 14 gennaio, dopo quasi un mese di divieto, si troverebbero intrappolati per 3 settimane senza possibilità di mangiare fino a lunedì mattina. Personalmente sto già scrivendo una denuncia per abuso di potere, sequestro di persona e violenza privata……Le conseguenze di una azione assurda come questa ordinanza sono palesi: chi ha grosse somme provento di attività illecite troverà tante attività sull’orlo del fallimento da rilevare a prezzi stracciati o alle quali prestare soldi a strozzo….con conseguenti ovvie depressioni e suicidi….e gli adolescenti, senza scuola, o meglio con la scuola virtuale, perderanno pian piano la capacità di distinguere il reale dal non reale….e i casi di adolescenti e preadolescenti che fanno atti di autolesionismo guidato con videogiochi basati su personaggi similreali tiktok sono in crescente ovvio aumento……..è davvero questo il modo di salvaguardare la salute pubblica? siamo uomini o caporali?
Ricordiamoci che chi gestiva il periodo nel quale si decapitava gente in continuazione in francia dopo la rivoluzione si chiamava comitato di dsalute pubblica; le motivazioni che giustificavano deportazione di omosessuali, zingari, ebrei ecc. durante il nazismo erano motivazioni sanitarie, eugenetiche, il mito dell’uomo ariano sano……. riflettiamo……
Vale la pena di rinunciare a vivere finora per un anno per una remota possibilità di morire qualche anno prima? Moriremo lo stesso, ma avviliti per aver perso un anno di vita e in un futuro che sarà un disastro sia ovviamente finanziario sia per i danni cognitivi ed esperenziali dei giovani che hanno perso un anno di scuola sostituita dalla devastante DAD….. e c’è chi gioca a sfoggiare potere personale costringendo molti agli arresti domiciliari……