Redazione Paese24.it

Coldiretti nelle piazze calabresi contro il caro energia. Lista di richieste al Governo

Coldiretti nelle piazze calabresi contro il caro energia. Lista di richieste al Governo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Coldiretti in piazza a Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria. Volti segnati dalla fatica ma dall’orgoglio di essere parte vitale dell’economia calabrese ma anche parole affilate e di dolore che indicano che il malessere è ad un crinale molto pericoloso. “Siamo stremati”, “Noi lavoriamo altri speculano”; “i nostri prodotti vengono pagati sotto il costo di produzione” “Noi lavoriamo nelle stalle, energia alle stelle”. Una situazione di diffusa sofferenza nell’intero settore zootecnico, che coinvolge gli allevatori di bovini da carne, suini, avicoli e ovicaprini. “Il comparto zootecnico – commenta  -Franco Aceto Presidente di Coldiretti Calabria – complessivamente di circa 15.000 aziende, con allevamenti ubicati per lo più in aree montane e svantaggiate che, occupano oltre 30mila lavoratori e garantiscono produzioni di qualità e presidio del territorio. I dati – prosegue – sono eloquenti e parlano da se. Quest’anno produrre cereali, come ad esempio il grano, costa agli agricoltori 400 euro ad ettaro in più, mentre per i produttori di olio extravergine d’oliva e di vino i costi medi di produzione sono aumentati del 12%. Ma il boom dei costi energetici riguarda anche il riscaldamento delle serre per piante e fiori con rincari del 30% e i vivai che sono oggi costretti a produrre praticamente in perdita. Nel giro di un anno la bolletta mensile di un’azienda florovivaistica media è passata, infatti, da 1700 euro a 6100 euro. E ad aumentare sono pure i costi per la pesca, con la flotta costretta rimanere in banchina.. Ed ancora:  +70% costi dell’energia (con picchi del 640% tra il 2019 e 2022), +40% costo dei mangimi, +143% costo di alcuni concimi. In queste condizioni sfido chiunque ad andare avanti”.

Delegazioni degli allevatori hanno consegnato ai prefetti, in quanto rappresentanti territoriali del Governo un documento con richieste e soluzioni, che, è stato assicurato, sarà trasmesso al Governo Nazionale. Ecco le richieste: Liquidità alle imprese: Incentivare operazioni di ristrutturazione e rinegoziazione del debito bancario delle imprese agricole fino a 25 anni attraverso l’utilizzo della garanzia 100% copertura pubblica e gratuita dell’Ismea. Stop a pratiche sleali per garantire il giusto prezzo: si chiede un’indagine dell’lspettorato del Mipaaf su tutte le industrie e le catene della GDO che stanno speculando sul prezzo del latte e degli altri prodotti. Ed ancora: sblocco dei 200 milioni di euro dei fondi Mipaaf per il cibo agli indigenti con vincolo, per le aziende che partecipano ai bandi, di rispettare la normativa contro le pratiche sleali, in particolare sui costi di produzione. Stop a contributi pubblici per aziende agroalimentari che non rispettano le norme sulle pratiche sleali. Sblocco immediato dei decreti attuativi Mipaaf e dei bandi per 2,7 miliardi di euro del PNRR: 1,5 miliardi di euro per pannelli fotovoltaici sui tetti, per aiutare le stalle a raggiungere l’autonomia energetica senza consumo di suolo; 1,2 miliardi di euro per contratti di filiera, per favorire un più equo riparto del valore. Per i fondi nazionali: Sblocco immediato dei pagamenti Agea/Arcea di 26 milioni di euro per aiuti agli allevatori di bovini da latte fermi da agosto 2021. Sblocco dei pagamenti per 90 milioni di euro dei fondi zootecnia aiuti Covid del Mipaaf. Aiuti per gli allevatori di razze autoctone, ed in particolare per la podolica, a valere sui fondi per le filiere.

In tema di semplificazioni dal Ministero della Transizione ecologica, lo sblocco della proroga degli incentivi al biogas e finanziamento degli impianti per coloro che hanno presentato domanda al GSE per favorire la transizione ecologica e l’economia circolare, che consente di trasformare gli sprechi in energia. Poi l’annoso problema della fauna selvatica che in alcune aree del paese (scongiurato al momento in Calabria) è causa della diffusione della Peste suina. Non è più rinviabile l’intervento di modifica della legge 157 del 1992 (Norme sulla fauna selvatica).

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments