Redazione Paese24.it

Calabria e Lucania provano ad avvicinarsi. Ma sui progetti stradali la Provincia di Cosenza è in ritardo

Calabria e Lucania provano ad avvicinarsi. Ma sui progetti stradali la Provincia di Cosenza è in ritardo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Uno scorcio di San Lorenzo Bellizzi

Le popolazioni dell’Alto Jonio continuano a strizzare l’occhio alla Basilicata, ma le istituzioni calabresi tardano ad abbattere le barriere naturali che dividono i due versanti regionali confinanti. E’ infatti in grave ritardo la realizzazione delle due strade intercomunali, di competenza delle amministrazioni provinciali di Potenza e di Cosenza, destinate a mettere in comunicazione, lungo un tracciato naturale già esistente, i paesi dell’Alto Jonio calabrese (San Lorenzo Bellizzi, Cerchiara di Calabria, Alessandria del Carretto, Albidona…) con i paesi lucani confinanti (Terranova del Pollino, San Paolo, San Costantino, San Severino Lucano…).

Per quanto riguarda la regione Basilicata, la Provincia di Potenza è in linea con i tempi: ha impegnato le risorse necessarie ed ha già realizzato i tratti delle due strade che ricadono in territorio lucano, mentre la Provincia di Cosenza, rispetto a entrambi i due progetti, risulta essere alquanto più pigra ed in grave ritardo. Di questo si lamentano gli amministratori comunali dei comuni calabresi e lucani delle aree interne e soprattutto le popolazioni delle frazioni rurali che spesso e volentieri, soprattutto d’inverno, restano isolate a causa delle abbondanti nevicate. Si tratta, in realtà, di due strade intercomunali: una destinata a collegare San Lorenzo Bellizzi (CS) con Terranova del Pollino (PZ) e l’altra a collegare Alessandria del Carretto (CS) con San Paolo Albanese (PZ).

Una volta completate, tutte e due le strade garantirebbero una penetrazione molto più veloce e agevole all’interno del Parco Nazionale del Pollino, con una favorevole ricaduta anche nel settore del turismo mare-monti. Ma, oltre che a migliorare il collegamento mare-monti, le due strade sono destinate ad agevolare le relazioni tra le popolazioni di confine dei paesi montani e delle frazioni rurali che sin dai tempi antichi, ignari dei limiti geografici costituiti dai confini regionali, hanno sempre intrattenuto rapporti di buon vicinato e di vivace interscambio sociale, commerciale e anche culturale. E lo hanno fatto nonostante che ad unire i versanti delle due regioni ci fossero solo gli antichi e impervi sentieri rurali (i tratturi) che i pastori aprivano a fatica tra i boschi e che utilizzavano per l’annuale transumanza delle greggi dai monti del Pollino verso il mare della Piana di Sibari.

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *